Systagenix ottiene il marchio CE ed effettua la prima spedizione commerciale di WOUNDCHEK™ Prot

24 Gennaio 2012, di Redazione Wall Street Italia

La domanda di strumenti diagnostici più adeguati, per migliorare la valutazione delle ferite, da parte dei medici che operano nel settore ha ricevuto oggi una risposta con la concessione del marchio CE a WOUNDCHEK™ Protease Status, il primo test diagnostico rapido point-of-care al mondo sviluppato specificatamente per le lesioni croniche. WOUNDCHEK™ Protease Status può rivoluzionare la cura delle lesioni permettendo interventi immediati e mirati ed un uso efficiente di terapie avanzate destinate a modulare l’attività della proteasi.Inizialmente la Systagenix lancerà il test in Europa, Sud Africa e Medio Oriente e può confermare che le prime spedizioni commerciali dei kit diagnostici WOUNDCHEK™ Protease Status sono iniziate. WOUNDCHEK™ Protease Status, the world’s first rapid, point-of-care diagnostic test developed specifically for chronic wounds from Systagenix (Photo: Business Wire) Sviluppato da Systagenix Wound Management in collaborazione con Alere e studiato per poter essere inserito nella procedura standard della valutazione delle ferite, WOUNDCHEK™ Protease Status è facile da usare e fornisce risultati nel point of care in soli 15 minuti. Il test giocherà un ruolo fondamentale nella decisione della terapia più idonea da somministrare e aiuterá i medici a scegliere le terapie avanzate in maniera più efficace, identificando quali lesioni croniche hanno un’elevata attività di proteasi (EPA). Nonostante l’EPA presente nelle lesioni croniche sia ampiamente compresa e riconosciuta come fattore fondamentale nella guarigione delle ferite, ancora oggi non si riesce ad identificare perché non esistono segni visivi della sua presenza2. Uno studio pubblicato di recente ha dimostrato che le lesioni croniche in cui è presente l’EPA hanno il 90% di probabilità di mancata guarigione senza un intervento adeguato3. Si stima che i 30 milioni di lesioni croniche che vengono curate ogni anno incidano all’incirca sul 3% del totale della spesa per la sanità4. Fino ad oggi, quasi il 30% delle lesioni con EPA non guariscono e l’assenza di un test specifico può condurre alla somministrazione di una terapia inefficace, portando gli operatori sanitari a sostenere costi elevati. Il Professor Keith Harding della facoltà di medicina presso l’università di Cardiff, nel Regno Unito, e presidente del Consenso Internazionale ‘Il ruolo delle proteasi nella diagnostica delle ferite’, ha commentato: “La valutazione è il primo passo che ogni medico specializzato nella cura delle ferite dovrebbe fare quando si trova di fronte ad una lesione cronica di difficile guarigione. Tuttavia, fino ad oggi non abbiamo tratto beneficio dalle tecniche innovative in questo settore. Con l’introduzione di WOUNDCHEK™ Protease Status, Systagenix ha avuto molto coraggio ad investire nel settore della diagnostica e mi congratulo con loro per averlo fatto. L’uso efficace di un test point-of-care per valutare l’attività della proteasi ha il potenziale necessario per rivoluzionare la cura delle ferite a livello mondiale. Ciò fa in modo che il risultato del test WOUNDCHEK™ Protease Status contenga delle informazioni di valore ineguagliabile che i medici dovranno avere a portata di mano al momento della valutazione delle lesioni croniche.” Louise Hambrook, Global Category Director for Diagnostics presso Systagenix, ha aggiunto: “Siamo contenti che i medici più importanti stiano riconoscendo la potenziale influenza che WOUNDCHEK™ Protease Status avrà nel modo di gestire la cura delle ferite. Gli effetti dannosi che l’EPA ha sulla guarigione delle ferite sono ampiamente documentati nel corso degli anni, ma cominciamo ad apprezzare e a capire i suoi effetti solamente ora. I medici possono ora determinare la presenza di EPA in modo da poterla curare di conseguenza. Si potranno quindi scegliere terapie mirate sapendo quali ferite presentano un’elevata attività di proteasi, ripartendo in maniera più efficace e meno costosa le scarse risorse disponibili, delle quali beneficeranno quindi i pazienti.” Poiché l’introduzione del point-of-care test è nuova a molti medici specializzati nella cura delle lesioni, Systagenix sta investendo fortemente nella formazione dei potenziali utenti ed è lieta di introdurre un nuovo strumento on-line per la formazione. Sul sito della Systagenix, www.systagenix.it, potete trovare informazioni su come funziona il test e avere maggiori informazioni su WOUNDCHEK™ Protease Status. Il sito comprende anche le recenti pubblicazioni dei Dottori Serena, Snyder e Cullen. Costituita nel 2008 in seguito all’aquisizione dell’attività sulla cura delle ferite avanzata della Johnson & Johnson, Systagenix fornisce oltre 20 milioni di medicazioni avanzate per ferite al mese in più di 100 Paesi in tutto il mondo. Clausola di esonero di responsabilità: le informazioni sul prodotto riportate in questa pagina non sono rivolte né valgono come indicazioni per i professionisti sanitari e gli utenti negli Stati Uniti Riferimenti: 1. World Union of Wound Healing Societies. Principles of best practice: A consensus document: MEP Ltd. London, 2008. 2. Snyder, R. et al. A survey: the importance of proteases in wound healing and wound assessment. Poster, Wounds UK 2011. 3. Serena, T. et al. Protease activity levels associated with healing status of chronic wounds. Poster, Wounds UK 2011. 4. Posnett J, Franks PJ (2007) The cost of skin breakdown and ulceration in the UK. In: The Smith and Nephew Foundation (2007) Skin Breakdown – The Silent Epidemic. Smith and Nephew Foundation, Hull. Altri riferimenti: Cullen, B. et al. Early Adoption of Collagen/ORC Therapies Improves Clinical Outcome. Poster, Wounds UK 2011. International consensus. The role of proteases in wound diagnostics. An expert working group review. London: Wounds International, 2011. Foto/Galleria multimediale disponibile sul sito: http://www.businesswire.com/cgi-bin/mmg.cgi?eid=50137322&lang=it Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

VSPR per SystagenixVicky Stoakes+44 (0)7747 534 [email protected]