Suicidio: consigliere delegato del colosso auto Tata si è buttato dalla finestra

27 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

BANGKOK (WSI) – Una notizia ha sconvolto oggi il mondo dell’industria e dei mercati indiani. Il capo azienda di Tata Motors si è suicidato buttandosi dalla finestra di un albergo di Bangkok.

Le forze di polizia in Thailandia, dove si trovava Karl Slym, consigliere delegato della casa automobilistica indiana, hanno riferito ai media che le indagini preliminari portano a una sola possibile conclusione: che il manager 51enne si è ucciso gettandosi dal 22esimo piano dell’albergo Shangri-La.

Nella camera dove Slym e la moglie avevano fatto il check-in è stato trovato anche un messaggio scritto a mano, che è stato anche tradotto in lingua thai perché possa essere usato dagli inquirenti ai fini dell’inchiesta.

Il titolo della casa automobilistica ha perso il 6% oggi alla Borsa di Mumbai.