Sudafrica: Made in Italy, missione a luglio

18 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

L’Ice, Confindustria e l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) organizzano una missione d’imprenditori italiani in Sudafrica, in occasione della visita di Stato del ministro degli Affari esteri, Massimo D’Alema, che si svolgerà dall’8 al 12 luglio prossimi a Johannesburg, Cape Town e Durban. L’economia del Paese costituisce, da sola, un terzo del Pil dell’Africa australe e la sua composizione le consente una posizione dominante, a livello continentale, quanto a infrastrutture e risorse finanziarie.
Le politiche di liberalizzazione economica e di attrazione degli investimenti esteri in settori come agro-industriale, chimico-farmaceutico, automobilistico, dei trasporti, minerario e turistico, facenti parte del piano di stabilizzazione politico-industriale, rendono il Sudafrica un mercato molto interessante per eventuali investimenti da parte italiana. Il Sudafrica è caratterizzato da un quadro politico e istituzionale stabile e con bassi livelli di rischio imprenditoriale e il suo sistema economico presenta ancora notevoli possibilità di sviluppo.
Gli scambi con l’Italia non sono molto attivi. Nel 2006 l’Italia è stato il nono Paese fornitore e il decimo Paese cliente del Sudafrica. La missione prevede la partecipazione di aziende italiane operanti nei seguenti settori: agroalimentare; tecnologie della comunicazione; ambiente e biotecnologie; meccatronica, plastica e automotive; tessile-abbigliamento; pelletteria e calzature; oreficeria; infrastrutture e turismo.
L’iniziativa include un evento centrale a Johannesburg (8-10 luglio) con la partecipazione dell’intera delegazione italiana e l’organizzazione d’incontri bilaterali e un’articolazione di visite guidate nelle diverse realtà dei distretti industriali locali. La mattina del 9 luglio, a Johannesburg, sarà dedicata al Forum “Business Opportunities between South Africa and Italy”, nell’ambito del quale i rappresentanti, istituzionali e imprenditoriali dei due Paesi, evidenzieranno le opportunità di investimento e cooperazione tra Italia e Sudafrica. Durante l’evento sono previsti gli interventi di D’Alema e del vice presidente della Repubblica del Sudafrica, Phumzile Mlambo-Ngcuka. Nel pomeriggio si svolgeranno gli incontri d’affari tra le aziende sudafricane e quelle italiane che ne abbiano fatto espressamente richiesta. Il 10 luglio si terranno una serie di seminari tecnici riguardanti i seguenti settori: infrastrutture e materiali da costruzione, oreficeria e gioielleria e strumenti finanziari a sostegno degli investimenti diretti in Sudafrica. Saranno presenti desk di assistenza alle imprese di Italtrade, Sace, Simest, banche italiane e altre istituzioni.
In parallelo avranno luogo due viste guidate presso l’Innovation Hub e l’Automotive Supplier Park di Rosslyn, vicino Pretoria, distretto che riunisce le imprese operanti nella produzione e nella fornitura di componenti per l’industria automobilistica. La partecipazione alla tappa di Johannesburg, aperta alle associazioni e alle imprese appartenenti a tutti i settori, avrà un focus particolare sui settori dell’agroindustria, delle infrastrutture e dei materiali da costruzione, dell’energia e ambiente, della meccanica, dell’automotive e dell’oreficeria e gioielleria. La missione proseguirà quindi con due tappe parallele, a Cape Town e Durban, in cui si prevede esclusivamente la partecipazione delle imprese operanti nei relativi settori di attività. A Cape Town , dal 10 al 12 luglio, è prevista una tappa dedicata alle sole imprese dei seguenti segmenti: turismo, macchine agricole, pesca e vino food & beverages processing & packaging. Sarà organizzato un seminario tecnico su tali settori e sulle opportunità di investimento nella provincia del Western Cape. La sessione pomeridiana sarà invece dedicata agli incontri tra imprese italiane e sudafricane.
A Durban è prevista, dal 10 al 12 luglio, una tappa dedicata alle imprese operanti nei soli segmenti: infrastrutture e logistica, materiali da costruzione, energia e ambiente, meccanica e componenti per l’industria automobilistica. Sarà organizzato un seminario tecnico su tali settori e sulle opportunità di investimento nella provincia del KwaZulu-Natal. La sessione pomeridiana sarà invece dedicata agli incontri tra imprese italiane e sudafricane. La partecipazione all’iniziativa in oggetto è gratuita. A carico delle aziende partecipanti restano le spese di vitto (non contemplate dal programma), di alloggio e quelle di viaggio per e dal Sudafrica.