STM FA I CONTI CON LO SPAURACCHIO NOKIA

4 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Stmicroelectronics è il titolo che perde di più sul Mib30 dopo Mediolanum.

Le azioni del gruppo italo-francese che produce semiconduttori nell’arco di circa mezz’ora, tanto è passato dall’inizio delle contrattazioni, sono scese fino a un nuovo minimo annuale a quota €27,05.

Ora sono risalite, ma il ribasso rimane superiore ai due punti percentuali.

Tutto il comparto tecnologico, del resto, e in tutta Europa, è in caduta.

La chiusura negativa di Wall Street ieri, e in particolare quella del Nasdaq al di sotto dei 1.600 punti, ha condizionato tutto il settore tech.

L’indice Philadelphia sui semiconduttori ha segnato un calo di circa cinque punti percentuali.

Flextronics, quotata al Nasdaq, ieri ha riportato l’ultimo profit warning del settore sui target di vendite 2002 e ha lasciato sul terrento il 6,8%.

In Europa l’indice eurostoxx di settore segna un ribasso del 2,78%.

Stm è in calo a Milano come a Parigi (il titolo è quotato anche a New York).

Il mercato guarda a due cose in particolare.

La prima è il ventilato profit warning di Nokia, primo cliente di Stm (Per avere tutti i dettagli clicca su WSI RUMORS, in INSIDER. Abbonati subito!).

La seconda è la scadenza del lock-up (impegno dei principali azionisti a non vendere azioni prima di una certa data) del 10 giugno prossimo. In quell’occasione potrebbero vendere i principali azionisti di Stm, cioè France Telecom e Finmeccanica.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.