STM CEDE TERRENO DIETRO NOKIA E LOCK UP

12 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Seduta in deciso calo per STMicrolectronics, che ha dato seguito alle incertezze di ieri dopo la pubblicazione dell’outlook della finlandese Nokia. Oggi il maggior produttore di telefonici è in calo anche su ipotesi di un taglio del target sul prezzo da €15 a €12 da parte di una importante banca d’affari

Il titolo della società italo-francese è il peggiore del Mib30. Sul titolo sta pesando la chiusura del Nasdaq che martedì ha invertito rotta a metà seduta per le vendite sui settori biotech e su quello dei semiconduttori.

Sul titolo influiscono anche i timori legati alla scadenza del lock up.

Da martedì, infatti, i soci francesi e italiani possono vendere le azioni StMicroelectronics in portafoglio. France Telecom può cedere circa 30 milioni di azioni e Finmeccanica può ridurre la propria quota di circa un 2,5%-3% (circa 25 milioni di azioni ) direttamente tramite la vendita sul mercato. Oppure la può ridurre fino all’11% (attualmente è il 18,35%), tramite l’emissione di un’obbligazione convertibile esercitabile a fine 2003, secondo altre ipotesi.

Sotto il profilo tecnico, il titolo prosegue nel trend discendente. Determinante sarà la tenuta del supporto a €24, su cui aveva rimbalzato lo scorso 7 giugno. In caso di rottura del supporto potrebbe crollare fino in area €23.

Il titolo, però, è in forte ipervenduto il che lascierebbe pensare a un rimbalzo nelle prossime sedute in cui potrebbe portarsi anche fino a €26
chiudendo il gap aperto lo scorso 7 giugno.