Stati Uniti: da banche e hedge fund i capitali per il prossimo “stimolo” economico

23 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

Barney Frank, chairman della commissione finanze della Camera Usa, democratico, ha appena introdotto un disegno di legge chiamato “Frank Bank Levy Proposal”, stando alla Reuters, che vara nuove tasse per i gruppi bancari con asset superiori ai $50 miliardi e per gli hedge funds con assets superiori ai $10 miliardi. Il denaro verrebbe raccolto in uno speciale fondo del valore totale di $4 miliardi per l’assistenza alle comunita’ locali e ai cittadini rimasti disoccupati ma con un buon “credito”, i quali hanno avuto la casa pignorata per non aver pagato il mutuo.

Se vuoi guadagnare con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

In altre parole, le grandi banche e gli speculatori di professione dovrebbero essere tassati per canalizzare il denaro verso un nuovo mini-piano di stimolo economico. L’amministrazione Obama e molti economisti ritengono che l’economia degli Stati Uniti stia rallentando fortemente, nonostante i tassi d’interesse ai minimi storici compresi tra lo 0.0% e lo 0.25% (confermati oggi dalla riunione della Federal Reserve). Proprio oggi e’ stato comuicato che la vendita di case nuove e’ crollata a maggio del 32%, ai minimi assoluti, dopo che ad aprile sono terminate le egevolazioni per i crediti speciali da $8000 a famiglia predisposti dal governo di Washington per l’acquisto di una nuova casa.