Standard Chartered inciampa su costi e cautela

4 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il buon aumento degli utili non è bastato a Standard Chartered a convincere il mercato. Il titolo della banca britannica, focalizzata sui mercati emergenti, sta infatti cedendo a Londra il 6,54% a causa degli eccessivi costi riportati in bilancio e ad un outlook troppo cauto. La compagnia ha chiuso il primo semestre con un utile netto di 2,15 mld di sterline, in aumento dell’11% rispetto allo stesso periodo di un anno fa grazie ai minori accantonamenti per rischi. Tuttavia le spese operative sono salite a 4,16 mld di sterline in scia soprattutto agli elevati costi per il personale (aumentati del 7,9%). La banca ha inoltre affermato di non aspettarsi una ripresa regolare, anticipando una forte volatilità.