Spendere troppo per dimostrare il proprio status? Pessima idea

5 Luglio 2019, di Alberto Battaglia

“Credo che l’insicurezza sia uno dei motivi principali per i quali le persone faticano a farcela economicamente”: secondo il milionario self-made Gary Vaynerchuk, fra i più noti influencer nel mondo del web marketing, è questo senso d’inadeguatezza a giustificare molte fra le abitudini di spesa sbagliate. “La gente vuole essere percepita di successo” e una bella auto, vestiti firmati o i gioielli sono tutte spese giustificate dall’esigenza di mostrare agli altri il proprio status.
Questo dimostra quanto valore venga attribuito al giudizio altrui. Secondo Vaynerchuk, però, sarebbe più saggio occuparsi dei propri obiettivi finanziari, piuttosto che cercare l’ammirazione altrui.

Comprare cose per impressionare persone che, alla fine, nemmeno ti piacciono è una pessima idea”, ha detto Vaynerchuk ricalcando i toni motivazionali di Tyler Durden il protagonista del film Fight Club. Il suggerimento fondamentale di Vaynerchuk è di prendersi più tempo per risparmiare. E di aspettare, dunque, a “comprare una macchina con un logo di buona marca” o a trasferirsi in un quartiere più alla moda.

Spendere troppo per queste ragioni, secondo Vaynerchuk, finisce con allontanare dalla vera felicità: “resta focalizzato sulla tua testa, è da lì che la vita diventerà più felice, più in fretta”.

Sulla capacità di risparmio degli americani un report di Bankrate aveva messo in guardia sulle difficoltà di gran parte della popolazione: solo il 40% degli statunitensi sarebbero in grado di coprire una spesa imprevista di 1.000 dollari, attingendo dai propri risparmi.
Un sondaggio condotto per la Fed aveva mostrato, invece, che il 27% degli americani, per pagare una spesa d’emergenza di 400 dollari avrebbero dovuto vendere qualcosa o richiedere un prestito.