Spagna orgogliosa, per alcuni testarda: no a richiesta di aiuti

9 Ottobre 2012, di Redazione Wall Street Italia
*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

Siena – Tassi di interesse: l’attesa per la riunione dell’Eurogruppo e la festività negli Usa hanno condizionato l’andamento dei mercati europei. Ieri il meccanismo Esm è stato ufficialmente inaugurato con a capo Regling, responsabile anche del fondo Efsf. Regling ha dichiarato che il meccanismo è pienamente operativo e che gli strumenti di intervento sono gli stessi dell’Efsf. Tuttavia l’erogazione delle prime due tranche da parte dei paesi dell’ammontare di 32 Mld€ arriverà solo a fine mese, altri 32 Mld€ arriveranno nel 2013 e gli ultimi 16 nel 2014.

La dotazione finale effettiva sarà di 500 Mld€, ma al momento avrà una capacità di intervento finanziario fino a 200 Mld€. Per Regling l’Esm, che ha ottenuto la AAA dalle agenzie di rating Moody’s e Fitch, è pronto ad intervenire sulle banche spagnole da novembre.

Al termine della riunione dell’Eurogruppo il ministro delle finanze greco ha confermato che stanno continuando le discussioni con la Troika per la concessione ad Atene di un’estensione di due anni del piano di risanamento. Sulla Spagna i ministri hanno affermato che Madrid non ha bisogno di aiuti ad eccezione di quelli già decisi per il sistema bancario.

Sul caso Cipro il capo dell’Eurogruppo Juncker ha dichiarato che il paese deve compiere “passi decisivi” per concludere i negoziati con la Troika. Secondo Juncker, infatti, Cipro non sta reagendo adeguatamente. Intanto l’agenzia di rating Moody’s ha ridotto di tre livelli il giudizio sul debito di Cipro portando il rating a B3 da Ba3 con outlook negativo.

I ministri delle finanze ieri hanno infine approvato l’erogazione della tranche da 800 Mln€ al Portogallo. Il Fmi ha rivisto al ribasso le stime di crescita del 2012 e 2013 dell’area Euro portandole rispettivamente al -0,4% da -0,3% ed allo 0,2% da 0,7%. La revisione al ribasso ha interessato anche Italia, Francia e Spagna. Per la Germania la revisione ha interessato solo il 2013, mentre le attese sul Pil 2012 sono rimaste stabili a 0,9%.

Oggi è molto atteso l’incontro tra Merkel ed il primo ministro greco, Samaras, e l’intervento di Draghi al parlamento europeo. Sul fronte aste, è attesa un’emissione in Olanda fino a 2,5 Mld€ di titoli a lungo termine e titoli a breve greci per 1 Mld€. Il Mef ha comunicato che il prossimo giovedì emetterà Btp a medio-lungo termine fino a 6Mld€.

Negli Usa listini azionari in lieve calo in una giornata semi festivi per la ricorrenza del Columbus Day. Ha pesato in modo particolare il calo di Apple per il terzo giorno consecutivo, che ha portato la capitalizzazione della società sotto i 600Mld$. Sul fronte elettorale, l’ultimo sondaggio condotto da Pew Research quattro giorni dopo il confronto televisivo, segnala Romney in testa di 4% su Obama.

L’attenzione degli operatori si sposta gradualmente sul flusso dei dati trimestrali che inizierà oggi con Alcoa. In ambito emergenti, la revisione delle stime di crescita del Fmi, ha comportato un taglio soprattutto della crescita brasiliana per il 2012 ed il 2013.

Valute: euro sempre sotto area 1,30, vs dollaro. Pesano ancora le incertezze sulla zona Euro. Il livello di supporto ad 1,293-1,291 mentre quello di resistenza a 1,307. Possibili movimenti potrebbero verificarsi dopo l’incontro ad Atene della cancelliera tedesca. Lo yen si è leggermente deprezzato vs euro a partire da questa notte dopo il marcato apprezzamento di ieri in un contesto di ribasso dei listini azionari. Per la settimana il supporto da monitorare si colloca presso 99,65, mentre la resistenza a 102,80. A livello giornaliero la resistenza di breve si colloca oggi a presso 102 ed il supporto presso 101.

Materie Prime: poco mosso il prezzo del petrolio europeo, in calo dello 0,6% il Wti con lo spread Wti-Brent che continua ad allargarsi (oltre i 22$/barile) portandosi sui massimi dallo scorso novembre. Vendite sui metalli industriali. Prese di profitto per i metalli preziosi con le quotazioni dell’oro che restano comunque poco al di sotto dei massimi dell’anno. Andamento misto per gli agricoli. Questa mattina si sta assistendo ad un lieve rimbalzo di entrambe le tipologie di greggio e dei preziosi.

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved