Spagna: In Ue bolla immobiliare a rischio

22 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

I prezzi delle case di vacanza in Spagna, uno dei principali indicatori per l’andamento del mercato immobiliare europeo, potrebbero subire una flessione più marcata di quella che sta vivendo il settore immobiliare statunitense, stando almeno ai termini dei prestiti che le banche europee impongono alle società edili.
Il madrileno Grupo Martinsa del magnate immobiliare Fernando Martin, ex presidente del Real Madrid calcio, e Promociones Habitat SA di Barcellona sborsano il quintuplo sui prestiti ricevuti rispetto ai loro omologhi statunitensi, fra i quali Centex Corp. di Dallas, secondo dati compilati da Bloomberg News. Anche United Airlines di UAL Corp., che l’anno scorso dichiarò fallimento, paga un premio di rischio inferiore sui suoi prestiti. “Le banche impongono dei termini sui mutui simili a quelli riservati ai prestiti insoluti,” ha detto David Malpica, che partecipa alla gestione di $5,6 miliardi di debito immobiliare e sofferenze presso CarVal Investor a Londra. “Riflette l’elevata volatilità degli asset immobiliari.”
Le agenzie immobiliari della Spagna, il mercato abitativo europeo più dinamico del decennio, probabilmente taglieranno del 10 percento i prezzi delle case di vacanza quest’anno, secondo RR de Acuna & Associates a Madrid.
Una frenata potrebbe avere ripercussioni “psicologiche” in tutta Europa, ha affermato Tobias Just, analista presso Deutsche Bank AG a Francoforte.
Il prezzo medio di un’abitazione in Spagna era di circa 276.300 euro a dicembre, secondo Sociedad de Tasacion, il doppio rispetto al 2000. Ed il settore edilizio ha fatto della Spagna il maggiore motore di crescita economica dell’area-euro questo decennio. I proprietari spagnoli di case potrebbero essere più vulnerabili di quelli americani rispetto al rischio di insolvenza, in quanto il 98 percento dei mutui in Spagna è a tasso variabile, secondo la banca centrale spagnola, mentre negli Usa esiste un numero maggiore di mutui a tasso fisso.
Re/Max International Inc., numero due Usa fra i broker immobiliari, ha indicato di avere ridotto anche del 26 percento i prezzi di oltre 5.000 abitazioni in Spagna a gennaio.
Il Grupo Martinsa versa a Morgan Stanley, Caja Madrid e Caja de Ahorros de Barcelona interessi maggiorati di 2,5 punti percentuali rispetto al tasso interbancario europeo, secondo l’informativa della società. Per contro, United Airlines ha pagato 50 punti base meno di Martinsa su un prestito ricevuto il mese scorso, appena un anno dopo essere emersa dalla procedura fallimentare.Le banche, da parte loro, si stanno rivolgendo a gestori di fondi per sottoscrivere prestiti, con l’obiettivo di ridurre il rischio.
È in quest’ottica che Santander Central Hispano SA e Caja Madrid si sono rivolte alla londinese European Credit Management, per organizzare un prestito da 3,8 miliardi di euro a favore di Construcciones Reyal SUA. European Credit Management, che amministra 20 miliardi di euro di investimenti nel debito, riceverà un margine di 195 punti base in più rispetto al tasso Euribor, secondo dati Bloomberg. Un punto base corrisponde a 0,01 punti percentuali.