Spagna: Buffett chiede lumi per investire

8 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Francisco Parames, migliore gestore spagnolo negli ultimi cinque anni, ha ricevuto qualche mese fa una lettera vergata a mano da Warren Buffett, in cui il guru degli investimenti gli ha chiesto consigli sugli investimenti in Spagna. Parames, lusingato dalla fiducia, ha messo in guardia l’oracolo di Omaha, dicendogli di non essere affatto entusiasta circa le prospettive del proprio Paese natale. Lo rivela Bloomberg News.
Parames, che gestisce 6 miliardi di euro a Madrid presso Bestinver Asset Management, prevede un crollo del settore immobiliare nel Paese iberico, che trascinerà con sé le aziende legate all’economia spagnola, che ha visto quasi triplicare il credito del settore bancario e finanziario dal 2000.
“Molta gente si ritroverà senza lavoro”, ha detto Parames, 43 anni. “La nostra scommessa maggiore non si può vedere: non puntiamo infatti sull’economia spagnola, che attraverserà momenti molto turbolenti a causa della bolla del credito”. Parames consiglia ai clienti di aumentare gli investimenti nell’azionario internazionale a spese dei titoli spagnoli. Il gestore sta inoltre allentando le restrizioni che lo obbligherebbero a detenere principalmente azioni spagnole nel suo fondo principale, puntando magari su qualche titolo portoghese e su società straniere quotate a Madrid, come Arcelor Mittal, maggiore gruppo siderurgico mondiale con sede a Rotterdam, in Olanda.
Il fondo Bestinver Bolsa da 1,16 miliardi di euro, solitamente incentrato sulle azioni iberiche, ha segnato un guadagno annuale medio del 27 per cento negli ultimi cinque anni, realizzando la migliore performance fra i fondi spagnoli, secondo dati compilati da Bloomberg News.
I rendimenti ottenuti da Parames sono stati “spettacolari”, ha detto Fernando Luque, analista presso Morningstar a Madrid. “È stato fedele alla strategia del valore”. Il fondo Bolsa ha messo a segno un rialzo del 17 per cento nei cinque mesi terminati il 31 maggio scorso, quasi il doppio rispetto al 10 per cento dell’indice di riferimento Ibex 35. Un mese fa, Parames ha consigliato alla clientela di ridurre le azioni spagnole in portafoglio al 30 per cento dal 35 percento precedente e dal 50 per cento del 2003.
Parames ha scritto a Buffett tre mesi fa consigliandoli un titolo di una società non spagnola. Buffett, presidente di Berkshire Hathaway, “mi ha risposto con una lettera scritta a mano”, ha raccontato Parames a Bloomberg News. “Mi ha ringraziato e mi ha anche chiesto un favore: se potevo trovare una società spagnola molto buona e non quotata che fosse grande abbastanza per lui da comprare. E questo è quello che sto facendo adesso”. Buffett ha confermato tramite un’assistente che c’è stata una corrispondenza con Parames.
Uno degli investimenti privati di Parames non ha però avuto successo. Il gestore ha messo soldi propri nel negozio d’antiquariato di un amico a Madrid, che poi è finito per chiudere i battenti e ancora oggi Parames giura che il negozio, chiamato “Il cassettone del monaco”, è infestato dagli spiriti. Lui stesso dice di essere stato testimone di eventi paranormali, come quando un vetro è volato via da solo da sopra un tavolo. “Sono rimasto veramente colpito da cose che non riuscivo a capire”, ha detto Parames, aggiungendo che “non riuscivo a capirlo e non riuscivo assolutamente ad analizzarlo”.
Parames non sa dire quando potrà consigliare a Buffett una società spagnola da acquistare e non si attende molto in cambio dal suo mito. “Non c’è bisogno di commissione, basterà una cena con lui”, ha detto a Bloomberg News Parames, che nel marzo 2006 è sopravvissuto a un incidente aereo in cui sono morti il pilota e il direttore amministrativo di Bestinver.