SPACCATURA NEL GOVERNO: FINI NON MOLLA E ATTACCA BERLUSCONI

8 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Non accenna a placarsi lo scontro tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini. Le parole pronunciate oggi dal Cavaliere non sarebbero state gradite dal Presidente della Camera. Berlusconi infatti oggi ha affermato che con Fini va tutto bene. “Tutto bene? Non è tutto a posto, anzi…”, avrebbe detto l’ex leader di An commentando le parole del premier, secondo quanto riferiscono uomini del suo staff interpellati.

“I problemi politici ci sono – avrebbe aggiunto Fini – ed è paradossale che Berlusconi li neghi”. Sempre dallo staff del Presidente si fa presente che Fini interverrà a Gubbio per illustrare e chiarire questi problemi.

Hai approfittato del rialzo di +55% dello S&P500 da marzo ad agosto? Ora per continuare a guadagnare, abbonati a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca su INSIDER

“E` fondamentale che alla riapertura dei lavori parlamentari il Pdl faccia sentire la sua voce e, in questo, il ruolo del Presidente Fini è fondamentale. Bossi va arginato, se necessario anche con il filo spinato”. Lo ha detto Alessandra Mussolini, deputata del Pdl e presidente della commissione Infanzia, nel corso dell`intervista a Klaus Davi per il programma di web tv “KlausCondicio”.

“La pluralità di opinioni nel Pdl – prosegue – è una ricchezza.
Quindi Fini va rispettato e sostenuto. Non solo, sarebbe importante riaccogliere Casini, perché con l`attuale presidente della Camera sarebbe un baluardo per mettere intorno a Bossi dei grossi paletti”, o meglio del “filo spinato”.

Leggere anche:
BERLUSCONI: QUESTA NON E’ UNA DITTATURA

Secondo Mussolini “Fini è fondamentale in questa fase, in quanto il Pdl è schiacciato sulla Lega in un modo che è diventato eccessivo. Il Presidente della Camera ha tutto il diritto di esprimere la propria opinione che negli ultimi passaggi condivido appieno. Le priorità del Governo devono essere una riforma della legge sulla cittadinanza dei migranti e il riconoscimento di uno stato giuridico dei minori”. Per la nipote del dittatore fascista “sul piano delle politiche sociali mio nonno era anni luce più avanti di certe posizioni della Lega”.

Quindi la deputata del Pdl dà un consiglio al premier: “Se Berlusconi andasse ogni lunedì sera da Bossi e il giovedì pomeriggio da Fini, sarebbe un bene per tutta la coalizione di governo”.