Sorin Group : RISULTATI PER IL PRIMO TRIMESTRE 2011: CONTINUO MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITÀ

29 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

Risultati consolidati del Primo Trimestre 2011: Ricavi consolidati a € 182,3 milioni, in crescita del 4,7%* (5,7% as reported) rispetto al primo trimestre 2010; Profitto Lordo a € 108,2 milioni, pari al 59,3% dei ricavi (58,1% nel primo trimestre 2010); EBITDA a € 27,5 milioni (15,1% dei ricavi, rispetto a 14,4% nel primo trimestre 2010) e EBIT a € 21,0 milioni (11,5% dei ricavi, rispetto a 8,7% nel primo trimestre 2010); Utile netto in crescita dell’86,9% a € 12,8 milioni (7,0% dei ricavi); Indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2011 in riduzione a € 115,8 milioni, rispetto a € 128,8 milioni al 31 dicembre 2010 (€ 174,5 milioni al 31 marzo 2010). Per il secondo trimestre 2011 Sorin Group prevede ricavi in crescita dell’1 – 2%* rispetto allo stesso periodo del 2010 e un utile netto pari a circa € 14 – 16 milioni. * * * Dati non assoggettati a revisione contabile. * * * Il Consiglio di Amministrazione di Sorin S.p.A., riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Rosario Bifulco, ha approvato i risultati del Primo Trimestre 2011. “Siamo soddisfatti degli importanti risultati ottenuti in questo primo trimestre, caratterizzato da una positiva dinamica delle vendite, dell’espansione dei margini e della riduzione dell’indebitamento. Nel corso del primo trimestre si sono anche raggiunti importanti obiettivi di business, con l’avvio alla commercializzazione della nostra innovativa valvola cardiaca sutureless PercevalTM S, dopo l’ottenimento del marchio CE a gennaio”, ha affermato l’Amministratore Delegato André-Michel Ballester. Nel Primo Trimestre 2011 Sorin Group ha registrato Ricavi pari a € 182,3 milioni, in crescita del 4,7%* (5,7% as reported) rispetto al primo trimestre del 2010, grazie all’ottima performance della Business Unit Cardiopulmonary e ai segmenti delle valvole biologiche e dell’high voltage (CRM). La Business Unit Cardiopulmonary (macchine cuore-polmone, sistemi per la circolazione extracorporea e per autotrasfusione) ha registrato un’ottima performance con ricavi pari a € 81,9 milioni, in crescita del 7,8%* rispetto al primo trimestre 2010. In particolare, tale risultato è riconducibile all’andamento del segmento delle macchine cuore-polmone trainato da una forte penetrazione negli Stati Uniti, oltre che nei mercati emergenti. Il segmento degli ossigenatori, che ha beneficiato dell’acquisizione di Gish Biomedical, ha registrato nel trimestre una buona performance sui principali mercati geografici. Il comparto dei sistemi per autotrasfusione è cresciuto in misura superiore al mercato nei principali paesi. In Europa, la Società ha beneficiato del lancio commerciale del sistema di nuova generazione XtraTM. Tale dispositivo è stato inoltre presentato negli Stati Uniti alla conferenza CREF – Cardiothoracic Surgery Symposium, tenutasi a marzo 2011. Prosegue nel corso dell’esercizio l’impegno del Gruppo nell’innovazione con lo sviluppo della nuova linea di ossigenatori LinOx, per cui si prevede l’ottenimento del marchio CE per la fine del corrente esercizio. *A parità di tassi di cambio e di perimetro (importi in Euro/milioni)           Ricavi 1° Trim. 11 Variazione a parità cambi/ perimetro %* Macchine cuore-polmone 14.8 15.6% Ossigenatori 50.3 6.3% Macchine e dispositivi per autotrasfusione 15.4 7.6% Altro 1.3 ns Totale Cardiopulmonary 81.9 7.8% (*) Calcolata a tassi di cambio costanti 2011 ed escludendo variazioni di perimetro. Per dettagli si veda tabella allegata La Business Unit Cardiac Rhythm Management (dispositivi impiantabili per la gestione delle patologie del ritmo cardiaco) ha riportato ricavi pari a € 69,9 milioni, con una crescita del 2,8%* rispetto al primo trimestre del 2010, trainata dalla performance del segmento high voltage soprattutto sul mercato giapponese, oltre che sui nostri principali paesi europei, grazie alla progressiva penetrazione dei nuovi prodotti della famiglia ParadymTM. L’andamento in tali mercati è stato tuttavia parzialmente controbilanciato da un rallentamento sul mercato statunitense, anche legato a condizioni generali di mercato. I ricavi del segmento low voltage sono rimasti sostanzialmente invariati. Prosegue nel corso dell’esercizio l’impegno del Gruppo nell’innovazione principalmente con i progetti volti allo sviluppo del Remote Monitoring e della tecnologia SonR per l’ottimizzazione della terapia di risincronizzazione cardiaca. Per entrambi i progetti si prevede l’ottenimento del marchio CE nel corso dell’esercizio. (importi in Euro/milioni)           Ricavi 1° Trim. 11 Variazione a parità cambi/ perimetro %* High Voltage (defibrillatori e CRT-D) 24.1 9.7% Low Voltage (pacemaker) 43.3 -0.7% Altro 2.5 ns Totale Cardiac Rhythm Management 69.9 2.8% (*) Calcolata a tassi di cambio costanti 2011 ed escludendo variazioni di perimetro. Per dettagli si veda tabella allegata La Business Unit Heart Valves (valvole meccaniche, biologiche e sutureless, prodotti per la riparazione valvolare) ha realizzato ricavi pari a € 30,0 milioni, in lieve crescita dell’1,0%* rispetto al primo trimestre 2010. Il segmento delle valvole meccaniche continua la progressiva contrazione in linea con le attese. Il comparto delle valvole biologiche ha registrato una buona performance grazie alla continua penetrazione negli Stati Uniti della valvola MitroflowTM e al positivo contributo dell’innovativa valvola biologica sutureless Perceval, la cui commercializzazione in Europa è stata avviata a marzo 2011. Prosegue nel corso dell’esercizio l’impegno del Gruppo nel lancio commerciale di Perceval, nonché l’impegno nell’innovazione con lo sviluppo di nuovi prodotti quali la valvola Mitroflow con trattamento di anticalcificazione di nuova generazione. * A parità di tassi di cambio e di perimetro (importi in Euro/milioni)           Ricavi 1° Trim. 11 Variazione a parità cambi/ perimetro %* Valvole cardiache meccaniche 14.0 -5.3% Valvole cardiache biologiche 14.4 8.4% Altro 1.6 ns Totale Heart Valves 30.0 1.0% (*) Calcolata a tassi di cambio costanti 2011 ed escludendo variazioni di perimetro. Per dettagli si veda tabella allegata Il Profitto Lordo ha registrato nel primo trimestre 2011 una crescita dell’8,0% a € 108,2 milioni, pari al 59,3% dei ricavi, rispetto al 58,1% registrato nel primo trimestre 2010, per effetto dei risultati delle azioni di contenimento dei costi industriali, del favorevole mix a livello geografico e del favorevole effetto derivante dalla dismissione dell’Endovascolare, oltre che da un positivo effetto cambio. Le spese di Vendita, Generali e Amministrative (SG&A) pari a € 73,8 milioni, sono cresciute lievemente al 40,5% dei ricavi, rispetto al 40,4% registrato nel primo trimestre 2010, anche per effetto degli investimenti nella struttura commerciale per il lancio della nuova valvola Perceval. Le spese di Ricerca e Sviluppo (R&D) sono cresciute del 10,8% a € 17,1 milioni, pari al 9,4% dei ricavi (9,0% nel primo trimestre 2010). Nel corso del trimestre è proseguito l’impegno del Gruppo nell’innovazione ed in particolare si segnala l’acquisizione, nel febbraio 2011, di una partecipazione di minoranza in MD Start, il primo incubatore di venture capital supportato da operatori del settore delle tecnologie medicali in Europa. L’EBITDA ha mostrato una significativa crescita del 10,5% a € 27,5 milioni (15,1% dei ricavi), rispetto a € 24,9 milioni (14,4% dei ricavi) registrati nel primo trimestre 2010, principalmente grazie all’espansione del Profitto Lordo. L’EBIT è pari a € 21,0 milioni (11,5% dei ricavi), in crescita del 39,9% rispetto a € 15,0 milioni (8,7% dei ricavi) nel primo trimestre 2010. Prima degli special items, l’EBIT è stato pari a € 17,2 milioni, pari al 9,5% dei ricavi (8,8% dei ricavi nel primo trimestre 2010). Nel corso del primo trimestre 2011 si segnala una plusvalenza, prima delle imposte e al netto degli oneri accessori, di € 4,0 milioni relativa alla vendita dello stabile produttivo di Montrouge (Parigi). Gli Oneri finanziari netti scendono a € 2,8 milioni da € 3,0 milioni nel primo trimestre 2010, principalmente grazie alla riduzione dell’indebitamento medio. L’Utile netto si attesta a € 12,8 milioni, equivalente al 7,0% dei ricavi (€ 6,9 milioni, pari al 4,0% dei ricavi nel primo trimestre 2010). L’Indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2011 è sceso a € 115,8 milioni, rispetto a € 174,5 milioni al 31 marzo 2010 (€ 128,8 milioni al 31 dicembre 2010). L’indebitamento netto è diminuito negli ultimi 12 mesi di € 58,7 milioni, grazie alla maggiore redditività e alla migliore gestione del capitale circolante; gli special items hanno, altresì, positivamente contribuito alla riduzione dell’indebitamento netto per € 14,9 milioni nel corso degli ultimi 12 mesi (vedi dettagli nell’allegata tabella). Per il secondo trimestre 2011 Sorin Group prevede ricavi in crescita dell’1 – 2%* rispetto allo stesso periodo del 2010 e un utile netto pari a circa € 14 – 16 milioni. La Società conferma le previsioni per il 2011, con una maggiore crescita dei ricavi in CRM e Heart Valves nella seconda metà dell’anno, grazie al lancio del Remote Monitoring e della tecnologia SonR e grazie alla progressiva penetrazione sul mercato europeo di Perceval. Inoltre, con riferimento alla Business Unit Cardiopulmonary, la Società prevede, per la seconda parte dell’anno, tassi di crescita maggiormente in linea con la performance storica di tale segmento. *A parità di tassi di cambio e di perimetro * * * Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Demetrio Mauro, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili. * * * In aggiunta agli indicatori convenzionali previsti dagli IFRS, nel presente comunicato sono riportati degli indicatori alternativi di perfomance. Tali indicatori non devono essere considerati sostitutivi di quelli convenzionali previsti dagli IFRS, ma costituiscono un’informazione aggiuntiva, rappresentativa delle grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie utilizzate nell’ambito dei processi decisionali interni. Per una illustrazione del significato ed del contenuto degli indicatori alternativi di performance si rimanda alla Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2010. * * * Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali (“forward-looking statements”). Queste dichiarazioni sono basate sulle attuali aspettative e proiezioni del Gruppo relativamente ad eventi futuri e, per loro natura, sono soggette ad una componente intrinseca di rischiosità ed incertezza. Sono dichiarazioni che si riferiscono ad eventi e dipendono da circostanze che possono, o non possono, accadere o verificarsi in futuro e, come tali, non si deve fare un indebito affidamento su di esse. I risultati effettivi potrebbero differire significativamente da quelli contenuti in dette dichiarazioni a causa di una molteplicità di fattori, incluse una continua volatilità e un ulteriore deterioramento dei mercati del capitale e finanziari, variazioni nei prezzi di materie prime, cambi nelle condizioni macroeconomiche e nella crescita economica ed altre variazioni delle condizioni di business, mutamenti della normativa e del contesto istituzionale (sia in Italia che all’estero), e molti altri fattori, la maggioranza dei quali è al di fuori del controllo del Gruppo. * * * Si segnala che, in applicazione dello IAS 39, a partire dal 1° gennaio 2010 il Gruppo si è dotato degli strumenti necessari all’applicazione dell’hedge accounting sugli strumenti finanziari derivati a copertura del rischio di fluttuazione nei tassi di cambio su transazioni commerciali in valuta di natura altamente probabile (cash flow hedge).Per una valutazione relativa all’impatto di tale adozione sui risultati della Società si veda la tabella di riconciliazione allegata al presente comunicato. * * * A proposito di Sorin Group Sorin Group (www.sorin.com), società multinazionale leader nel trattamento di patologie cardiovascolari sviluppa, produce e commercializza tecnologie medicali per la cardiochirurgia e per il trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco. Il Gruppo, che conta 3.700 dipendenti in tutto il mondo, è specializzato in tre aree terapeutiche principali: bypass cardiopolmonare (sistemi di circolazione extracorporea e di autotrasfusione), gestione del ritmo cardiaco, riparazione e sostituzione di valvole cardiache. Ogni anno, oltre 1 milione di pazienti in più di 80 paesi viene trattato con dispositivi Sorin Group. Per ulteriori informazioni, visitare: www.sorin.com

Martine KonorskiDirector, Corporate CommunicationsTel: +33 (0)1 46 01 33 78Mobile: +33 (0)6 76 12 67 73e-mail:[email protected] RambaudiManager, Investor RelationsTel: +39 02 69969716e-mail: [email protected] StampaImage BuildingSimona RaffaelliTel. + 39 02 89011300e-mail: [email protected]