Sono stati giorni di fuoco: ecco i commenti dei lettori di WSI

19 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Circostanze eccezionali, da “clear and present danger”: la manovra iniqua e depressiva di un governo debole, la rivolta anti-Casta, l’attacco della speculazione all’Italia e all’euro, hanno scatenato la reazione di chi legge il sito in tempo reale: sono arrivati piu’ di 620 commenti in due giorni. Qui abbiamo ne selezionato una parte. Analisi politiche, macro, su bond, azioni, valute, America vs Europa. E critiche a speculatori, autorita’, lobby e Casta. Sulle pagine di WSI una grande comunita’ sta crescendo. Combattiva, civile, preparata: dara’ del filo da torcere a parecchia gente.

kantor
Hasta la casta siempre
Paragonare la Germania all’Italia è semplicemente ridicolo. Per quanto poco simpatici i tedeschi quando c’è da tirarsi su le maniche non hanno problemi. Tre anni fa gli operai lavoravano GRATIS e dico GRATIS per un’ora e mezza al giorno, vallo a dire a Camusso e Landini, quelli dei diritti, quelli grazie ai quali a nostri operai sono i peggio pagati d’Europa. Perchè si parla solo della casta dei politici? e quella dei sindacati, i più numerosi del momdo? e quella dei magistrati i più inefficienti e strapagati d’Europa, che oltretutto sono intoccabili? E’ vero che è scandalosa l’evasione fiscale, basta andare in meridione per rendersene conto, ma è altrettanto vero che il vero male dell’Italia sono i 2 milioni di dipendenti pubblici inutili, che hanno anche il coraggio di dichiarare che loro le tasse le pagano fino all’ultima lira.Se qualcuno poi vuole fare un giretto a Roma, in prossimità di un qualunque ministero avrà mdo di toccare con mano tutte le balle di Brunetta: signore che vanno per negozi, a fare la spesa, signori che escono per il cappuccino e stanno fuori per ore…in questo paese bisogna rifare il rapporto diritti/doveri e fino a quando un giudice non condanna i dipendenti di Malpensa che rubavano nei bagagli e non viene sanzionato da nessuno, dove volete che vada un paese?????
19/07/2011 14.39.41

titano41
Milano lima guadagni (+1,7%). Spread BTP/Bund a 300
La mia sarà una fissazione, ma penso che i trend deì mercati siano manipolati (se non del tutto, almeno in parte). Vuoi per motivi “tecnici”, ma anche per motivi squisitamente finanziari. I filistei (società di rating e merchant banks) hanno veramente creato una grande fonte di guadagno, producendo volatilità ad uso proprio. Non vi viene il sospetto, che queste società, che oltretutto dispongono di organizzatissimi uffici studi, possano tante volte far quel che vogliono sui mercati ? In sintesi: a) -si prepara un evento (down-grade, possibile per qualche banca o paese ecc.); b) – si fa un controllo dei grafici con una analisi dei supporti e resistenze; c) – si fanno delle proiezioni virtuali, per vedere quali reazioni potranno avere i mercati; d)- si predispongono in anticipo le operazioni; e) – si pubblicano i report a mercati aperti; f) – si chiudono le operazioni, avendo prima preso nella rete (i poveracci che usano gli stop-losses); g) – si contano avidamente i guadagni fatti. Con le carte segnate, è veramente bello operare. Sono proprio dei SOB. Parlando del mercato odierno, assistiamo ad una discreta reazione fisiologica, come poetete vedere sul settore bancario (che aveva affossato ieri i mercati). Quello che ora si evidenzia è una buona tenuta del DJSX European Bank, questo potrebbe essere un “pivot” per la reazione dei mercati in generale.
19/07/2011 13.06.52

FericJaggar
Hasta la casta siempre
Sfiducia, profonda sfiducia verso questi moti di presunta ribellione che nascono e si esauriscono su Internet. In Grecia il Paese è davvero sull’orlo del baratro, governa un personaggio che può trovare un paragone come tartufismo e longevità politica solo in un Andreotti, non sono capaci di un minimo sussulto di dignità, e cosa fa il popolo? Qualche striscione, due molotov in piazza… no, credo che se non si avvertono veramente i morsi della fame, non sia possibile nessuna vera ribellione a questo sistema. Siamo panciafichisti e pacifondai.

gpiccoli
Finalmente una proposta anti-casta: dimezzare i parlamentari
Sembra il discorso balneare seduti a gustare una pina colada sulla spiaggia all’imbrunire, quando si pensa alla giornata trascorsa e ci si ritrova annoiati. Ma che razza di riforma sarebbe ? Le competenze non sono espresse, ma in compenso si rafforza il potere di un primo ministro, potere che al contrario deve essere unicamente di governo, ovvero amministrativo. Quale condominio demanderebbe ogni potere decisionale all’amministratore, relegando l’assemblea ad una funzione subalterna?
Inoltre troppi senatori ed al contrario pochi deputati. In quale ateneo si insegna che per rappresentare altri organi di rappresentanza occorre un eguale numero di delegati come per rappresentare tutti gli elettori? Mi piacerebbe scimiottare La Sen. Anna Finocchiaro: NON SAI QUEL CHE DICI STUDIA!! Sara’ un intercalare da prof. spocchisa, ma ha ragione da vendere.
19/07/2011 12.57.59

gilmour
Hasta la casta siempre
sottoscrivo in pieno IMPARZIALE e disapprovo YABADABA, non sei ancora contento della nullità dimostrata dai politici di professione?????….un politico deve essere un tecnico non teorico ma operatico e pratico con esperienza sul campo (un ministro della agricoltura deve avere lavorato i campi da laureato per intenderci) ed essere incentivato sui risultati del suo lavoro…altro che avere un megastipendio e poi chi verrà dopo di lui deve riparare i danni…..giusta la disamina di IMPARZIALE sulla visione della sinistra “vischiana” nel risolvere i problemi mettendo le loro mani nelle tasche del ceto medio….non a caso la tassazione sugli utili di borsa l’ha fatta il centrodestra e non visco o padoa schioppa con bertinotti e pegoraro scanio sul groppone….chiaro no?….dovrebbe bastare per spiegare tutto!
19/07/2011 12.55.22

santaful
Hasta la casta siempre
Se posso esprimere il mio modesto parere vedo che si continua a girare intorno ai problemi ed a cercare il capro espiatorio di turno. E così facendo siamo sempre caduti dalla padella alla brace. Credo che anche questa volta non sarà diverso. Ad un certo punto arriverà il solito governo tecnico di unità nazionale e per il popolo italico saranno cavoli amari più di quelli che già abbiamo….lacrime e sangue…parole che abbiamo già sentito ripetere da anni in varie occasioni di crisi. Ma la domanda da farsi forse è: siamo o non siamo un popolo sovrano? Quanto siamo padroni in casa nostra? Chi muove le fila del potere lo fà in maniera palese od occulta? Perchè le varie inchieste sulle P1 P2 P3 P4 P etc. non portano alla verità e vengono sustematicamente insabbiate? Quanto contano i cittadini in questa pseudo democrazia? Veramente ancora pensiamo di potercela cavare con i soliti provvedimenti tampone a carico dei soliti noti? Per un vero rinnovamento italico occorre una presa di coscienza generale che costringa la classe politica a dimettersi nella sua totalità e ripartire da una costituente che rimuova i legacci storici che ci tengono bloccati.
19/07/2011 12.55.07

pasqua66
Forza SpiderTruman: 300.000 fan anti-Casta su Facebook
dgtelecom, sono sulla tua stessa linea, ma meno ottimista che le cose possano cambiare, aspetta che la borsa riprenda la sua lenta ascesa noi continueremo a pagare le esose tasse e i politici a fare i loro porci comodi con i loro privilegi unici al mondo. Sono poco ottimista anche perchè non vi sono più italiani e tra questi mi metto anche io a far rispettare i propri diritti per non parlare dei giovanissimi che di ideali non li leggono neanche più sui libri di scuola, loro si mobilitano solo per qualche partita di pallone non sapendo che sono loro i più colpiti da questo sistema.
19/07/2011 12.28.24

calciatore10
Euro: i rischi di default come Messico, Russia e Argentina
la zona euro e’ destinata a sfaldarsi per molteplici ragioni, prima fra tutte la mancanza di una vera banca centrale tipo FED, l’avere voluto mettere insieme politicamente, nel senso di decisione, una accozzaglia di stati diversi tra loro. NON puo’ andare avanti cosi’, il collante la moneta euro non si e’ dimostrata flessible verso i deboli, ma un cappio che ha strangolato i piigs. vedremo caso quasi unico nella storia recente la disintegrazione di un sistema valutario, roba da libri di storia, da non perdere, possiamo dire io c’ero.-
19/07/2011 12.18.22

menichelli
Forza SpiderTruman: 300.000 fan anti-Casta su Facebook
l’amministrazione comunale del mio comune a Faenza provincia di Ravenna ha chiuso un centro occupazionale protetto per portatori di handycap inglobando 14 persone in altri 2 centri che sono pieni all’inverosimile, e lasciando negli istituti senza più occupazione giornaliera altrettante persone che in tali istituti vivono non avendo più una famiglia propria. ad oggi non sappiamo che ne sarà dei ragazzi disabili che usciranno dalle scuole nei prossimi anni visto la saturazione dei centri ancora aperti.personalmente sono certa che anche all’interno della cosidetta casta ci siano persone oneste ma non si può accettare che i cittadini più deboli e indifesi paghino i privilegi, gli intrallazzi,fin’anche le ruberie di coloro che fanno le leggi per imporre sacrifici così grandi al popolo italiano.non parliamo poi delle leggi cosidette etiche, quelle che impongono a tutti noi come ci dobbiamo comportare in caso di decisioni che riguardano la nostra vita e la nostra morte le stesse leggi che vengono disattese proprio da coloro che le promulgano. la pazienza è finita sono stati varcati tutti i limiti, l’arroganza e il senso di impunità di questa classe dirigente è oltremodo oltraggiosa, ogni tanto ripassate la storia per ricordarvi come sono finiti tutti coloro che nel passato e anche nel recente passato hanno pensato di essere DEi in terra, potrebbe risultare un ottimo esercizio Rita
19/07/2011 10.28.59

imparziale
Hasta la casta siempre
E’ normale che si scrivano certi articoli sull’Unità, la sinistra al governo l’abbiamo già conosciuta, è formata da mille partiti, deve accontentarli tutti, logico che si schierino dicendo che in Italia esista una fobia anti casta che va curata….. Loro di certo non voteranno mai una proposta di legge di Calderoli che teorizza una riduzione dei parlamentari, loro con Visco & C. risolvono i problemi tassando alla disperata…… Non mi meraviglio di leggere certi articoli sull’unità, mi rammarico soltanto che il PDL, nato come innovatore e semplificatore dell’apparato politico, con il passare del tempo è scivolato sempre più nel fango, ed ora sembra non abbia più nulla da dare all’Italia.Purtroppo una soluzione è necessario trovarla, logico che la sinistra non aiuta senz’altro in questo. Allora che facciamo? Per il momento tifiamo per Calderoli e chiediamo che il decreto venga votato a scrutinio palese, così gli approfittatori dovranno giocare a carte scoperte.
19/07/2011 12.10.34

Clelio
L’Europa fa paura: e’ come una grande Lehman Brothers
Ci risiamo, ogni giorno campagna martellante contro l’Europa e costantemente promossa da americani, agenzie rating o cosidetti guru ” col senno di poi “; indubbiamente nella UE esistono molti problemi in quanto non esiste un unico parlamento sovrano con potere decisionale, non è neanche federalista e quindi molto confusionaria. Ma aumentando la stampa di moneta o alzando il tetto del debito non risolve un bel niente e quindi non passiamo per geni dei perfetti incapaci perlopiù carichi di odio verso tutti i popoli e di egoismo, alla Far-West dell’800 ( bandisos ) e amazza pellirossa, si troveranno dove si meritano: nell’inferno economico e di totale povertà del popolo ingenuo che li ha eletti ed ammirati. Auguri America, nei hai bisogno!
19/07/2011 11.50.14

levi68
Euro: i rischi di default come Messico, Russia e Argentina
Ci sono circa 19 milioni di pensionati contro qualche decina di milioni di italiani che invece in pensione non ci andrà mai. E’ il “pension divide”. Chi ha avuto ha avuto. Chi continuerà a dare non avrà mai nulla. E’ necessario introdurre un tetto pensionistico massimo (3.000 euro?) per chi già percepisce la pensione e garantire a tutti la pensione dopo 30/35 anni di lavoro. C’è gente in pensione da quando aveva 45/50 anni, parlamentari che hanno maturato la pensione dopo una legislatura. Doppi pensionati. Assessori regionali con pensioni d’oro. Questo sconcio è ormai intollerabile. Per farvi venire la bile ecco qualche pensionato parlamentare eccellente : Rosa Russo Jervolino: 9.947, Nicola Mancino: 9.947, Pino Rauti: 9.387, Alfredo Reichlin: 9.947, Stefano Rodotà: 8.455, Vittorio Sgarbi: 8.455, Giuliano Urbani: 6.590, Walter Veltroni: 9.014. pensione lorda mensile
19/07/2011 9.54.39

alba133
Attacco all’Italia: i giudici indagano (anche) sui ribassi in borsa. Ma e’ proprio tempo perso
Ahahahahaha perchè non indagano quando la borsa sale? Ahahahahahaha l’unica indagine seria sarebbe quella sul perchè la Borsa Italiana sospende (per problemi tecnici) la negoziazione di migliaia di titoli sui mercati Etf, Sedex e Mot, il telematico di obbligazioni e titoli di Stato!!!!!! Ma quello vorrebbe dire che i giudici sono preparati e non banderuole incompetenti nel vento!!!
19/07/2011 9.11.10

sartorodo
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Mi spiace purtroppo notare che tutti questi commenti risultano alla fine molto simili a chiacchiere da bar, e poi ci lamentiamo dei ns. politici che altro non sanno fare che parlare ma senza dire nulla di concreto. Lancio un’altro quesito, oltre a quelli già lanciati precendentemente : teoricamente una moneta misura la propria forza in base all’economia del paese di riferimento ed alla fiducia che gli investitori hanno sullo stesso paese. Allora,a parte il cambio con la Svizzera che amio avviso non fa testo, se l’Europa è vista oramai sull’orlo del default, come da articolo Economist della scorsa settimana ben pubblicizzato da WSI, come mai continuiamo ad avere un cambio a 1,40 sul dollaro, ben lontano dai minimi di due anni fa di 1,20 circa (che comunque era già alto) e di 0,87 sulla sterlina (0,65 tre anni fa), quando la situazione Irlanda , Portogallo e Grecia non era ancora scopiiata ? Qualche Solone dirà che è determinato dal fatto che i rendimenti in Europa sono molto più appetibili rispetto a qulli USA e quindi gli investitori acquistano titoli di stato area euro. Quelli tedeschi no di sicuro, forse quelli italiani e spagnoli; ma allora stanno forse acquistando a man bassa i titoli che stanno facendo vendere sull’onda della paura ? Purtroppo troppe anomalie si vedono, e invito quindi tutti coloro che sanno farlo, compresa la redazione di WSI, di cercare di sviluppare questi argomenti in modo tale che i lettori non specializzati, possano cercare di razionalizzare una situazione attuale che ha si un fondo di verità ma tantissimi lati oscuri. Buona giornata a tutti 19/07/2011 7.22.14

massimattenzione
Sell anche a Wall Street, euro e banche puniti
La manovra è socialmente iniqua perchè “spreme” il ceto medio ma dispensa la classe politica da concorrere al risanamento riducendo i propri costi del tutto ingiustificati.E’ anche economicamente debole perchè non stimola la produttività,ed anzi la compromette ancora di più deprimendo [con le rasoiate sui redditi e i maggiori prelievi fiscali] la domanda interna. In questo contesto – in cui i mercati guardano giustamente ai contenuti – la circostanza [tanto decantata] che la sua approvazione è stata rapidissima,era del tutto irrilevante;e tale sarebbe stata,anche se fosse stata approvata in tre minuti. 19/07/2011 1.41.41

hectortrade
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Si avvicina la resa finale dei conti e dello stato del welfare fondato sull’indebitamento, rimane una tenue speranza nella riunione europea del prossimo 21 luglio, Se non si annuncerà la “federalizzazione” del debito con un’unica cassa europea che raccolga i titoli di debito dei singoli stati e li trasformi in eurobonds la fine dell’euro è segnata e ognuno andrà per la sua strada, sbandamento tipo 8 settembre, per intenderci, ritorno alle monete nazionali con ripudio del debito ossia chi ha dato ha dato ecc…. e altre simpatiche novità in arrivo, compresi problemi di ordine pubblico.
19/07/2011 0.19.30

andyno45
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
se nel belpaese ci sono 110 province in 20 regioni a roma basterebbero 40 senatori e 220 deputati per rappresentare in modo piu’ che sufficiente el pueblo, personalmente ritengo che 5 regioni e 50 province sono piu’ che sufficienti per il belpaese, quindi 10 senatori e 100 onorevoli, con contratti che garantiscono, eventuali, privilegi e super retribuzioni a fine mandato MA SOLO SE raggiungono gli obiettivi che propongono per essere eletti, nel caso contrario tutti in vacanza a napoli a spazzare la monnezza al posto dei militari. a questo punto non giustifico piu’ nessuno che difenda dx, sx, centro secondo me’ o e’ suonato oppure ha le mani in pasta.
18/07/2011 23.50.50

m.mazzoni
Attacco all’Italia: i giudici indagano (anche) sui ribassi in borsa. Ma e’ proprio tempo perso
Come al solito se non ci facciamo ridere dietro da tutto il mondo non siamo contenti. Ci mancavano anche le indagini dei giudici! Non lo sa questa gente come funzionano i mercati, ci attaccano perchè ci possono attaccare. Siamo l’animale ferito di turno, su cui il leone pone le sue mire. Classe politica più che screditata, stagnazione economica, disoccupazione, bassa produttività ed alto debito con un chiacchericcio di riforme in sottofondo da venti anni, senza per altro farle. L’Italia ha bisogno di cambiare velocemente passo, con un governo tecnico (Monti) con carta bianca per fare quello che occorre fare in questo Paese e velocemente. Anche il leone qualche volta prende un’incornata dall’animale che credeva ormai esausto!
18/07/2011 22.45.22

marcopezzi
Mercati: pollice verso a manovra
Se mi è consentita una critica ho letto di tutto tranne ciò che invece si dovrebbe urlare al pubblico: primo, che non sono i mercati ad aver bocciato la manovra ma quattro grossi speculatori decisi a colpire l’europa attraverso l’ italia. secondo: gli stessi speculatori stanno ricomprando le nostre aziende (perchè vorrei ricordare, visto che ormai nessuno lo fai pù, che le azioni quotate in borsa altro non sono che pezzi di azienda) a prezzi da saldo. il grosso della massa, leggendo articoli faziosi e poco precisi, sarà spinto a pensare che il collasso è vicino e che quindi (per salvare il salvabile)`sia necessario vendere il vendibile e dimenticarsi di questa (ennesima) vergognosa, ingiusta, immorale speculazione. Ricordiamoci che ad ogni venditore corrisponde SEMPRE un compratore (e che ognuno sta pensando che l’altro è un imbecille)…sempre che le due figure non corrispondano (per il semplice giochetto dello spingere un trend al rialzo…o al ribasso). Un particolare che sarebbe il caso ricordare è che questa mattina il Bund future ha aperto ad un prezzpo che corrisponde ad un rendimento decennale del 2,75%, che confrontato con il costo ufficiale del denaro indica un differenziale dello 1,50% (contro il 2,90% della curva USA. Un margine minimo che è riconducibile ad una violenta e profonda recessione economica, che oggi non esiste. I motivi quindi sono ben altri, vediamo di non cascarci.
18/07/2011 21.29.52

yabadaba
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Siamo un’azienda con debiti pari a 1,2 volte il fatturato annuo e un amministratore delegato pluripregiudicato per corruzione di giudici, evasione fiscale, con numerosi processi in corso per reati quali lo sfruttamento della prostituzione minorile. Mi chiedo perché il mercato ci stia dando così tanta fiducia.
18/07/2011 21.05.49

Blackflame87
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
x CubodeiBoxer e noragugume: grazie, come immaginavo risposte unanimi, effettivamente sia l’Olanda che il Canada non mi dispiacciono, e il clima freddo mi aggrada. L’unica cosa è che mi dispiace lasciare un padre(artigiano) di 51 anni che ancora spera di riprendersi indietro i 35 anni di contributi versati e che ancora paga TUTTE le tasse, lasciando allo stato ogni anno la media di 40-50.000€, fatti due conti se avesse dischiarato zero(come quel famoso parlamentare dell’articolo) per gli ultimi 10 anni, ora avremmo qualcosa per espatriare in qualche nazione “civile”!! se smettessimo tutti di versare tutto anche solo per un mese, voglio vedere con che soldi si danno lo stipendio i signori onorevoli….e scusate lo sfogo
18/07/2011 20.07.31

aprati5
Spagna e Italia sotto tiro: gli speculatori sfidano l’Europa
Se, come sembra, il vero obiettivo della speculazione è l’euro, almeno ha il pregio di metterci di fronte alla madre di tutte le contraddizioni europee fino ad ora mai risolte e che … FORSE mai si risolveranno: una unica moneta e una unica politica monetaria con più stati sovrani aventi politiche fiscali, di bilancio ed economiche di fatto indipendenti tra loro. In pratica l’Europa è a metà del guado, probabilmente è arrivato il momento (ob torto collo) di decidere se andare avanti, ponendo le basi per passare rapidamente ad uno stato federale europeo dotato di una sovranità reale spiazzando così la speculazione, oppure tornare idietro ripristinando le singole valute nazionali, rinunciando all’euro e a fare parte di un paese più forte ed autorevole di qualsiasi paese preso singolarmente. Non vedrei alternative credibili a questi due scenari. – Prima domanda: sapranno i leader europei assumersi la responsabilità diandare avanti? forse sì: visto che sono tutti deboli cedere un pò di sovranità potrebbe essere più facile; – Seconda domanda: chi ha interesse a impedire il rafforzamento dell’Europa? boh Saluti.
18/07/2011 20.03.50

enciclopedia
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
@fifaedo, bel post il 27, per lei che conosce la storia economica le consiglio: http://www.diem.unige.it/storiamonbanca.pdf dove potrà rileggere ciò che già sa, ovvero che è storia vecchia come il mondo che gli stati possono fallire. la monarchia spagnola fece strage di famiglie di mercanti-banchieri, tra cui alcune genovesi e la più famosa di tutte: i fugger. E se qualcuno volesse capire cosa è un rapporto di forza politico, basta ricordare che filippo II ricattava i suoi creditori obbligandoli ad erogare ancora prestiti se volevano avere la speranza di vedere i vecchi quattrini. Sullo stesso tema mi permetto anche di citarle un passo da la politica economica del fascismo di la francesca: “nel campo della politica finanziaria il provvedimento più efficace fu quello diretto al consolidamento del debito fluttuante. La conversione obbligatoria di tutti i buoni del tesoro ordinari, quinquennali e settennali, nel debito consolidato 5% al prezzo di emissione di 87,50 operata il 6 novembre 1926, fu indubbiamente una misura opportuna: su un debito pubblico interno di 90751 milioni, avere portato a soli 6197 milioni il debito fluttuante era un successo…….la tesoreria comunque non poteva fare a meno di ricorrere ad aperture di credito della cassa depositi e prestiti ed istituti previdenziali, ammonyanti a fine 1929 a circa 3 milardi”. Una cosa praticamente dell’altro ieri.
18/07/2011 20.02.53

lazzarinho
Attacco all’Italia: i giudici indagano (anche) sui ribassi in borsa. Ma e’ proprio tempo perso
Ma che *BLIP!! Come se non ci fosse alcun motivo per quello che stà succedendo nel mondo azionario e soprattutto in Italia! E qui mi devo ripetere … basta parlare di speculazione! E dirò di più … la speculazione c’era prima quando si sono fatte salire le borse senza validi motivi (vi ricordate gli stress test dell’anno scorso …c’hanno provato anche quest’anno sti ladroni ma sono stati beccati con le mani nella marmellata!! E questa volta alla punizione non si scappa!), con un economia che a dir poco annaspa… ma cosa credavate di vedere il ftse mib arrivare a 30.000 punti?!?! A 24.000 aveva fatto anche troppa strada … e quando comincerà a scendere anche l’america, beh allora sì che saranno dolori! Questa signori non è speculazione, è la semplice e pura realtà! Questo è quello che si merita la nostra italietta! Ma non abbiamo nemmeno un minimo di responsabilità e continuiamo a puntare il dito su misteriosi uomini cattivi (gli speculatori … uuuu che paura!) che ce l’hanno con noi e ci vogliono fare del male …. Ma per piacere!! Ma leggetevi i giornali esteri per capire come di vedono dall’esterno! Siamo ridicoli, mi vergogno al solo pensiero e mi disgusta leggere certi articoli! In mano a certi personaggi siamo spacciati! Ora non si scherza più! O si cambia totalmente registro o qui va a finir male!!
18/07/2011 20.00.14

noragugume
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Estate italiana. Potrebbe essere il titolo di un libro. Nella ricorrenza del “sic” 150 anniversario “dell’unità d’Italia” arriva l’affondo dei mercati finanziari. Come al solito se ne sentono di tutti i colori. Sono ormai anni che si fanno manovre di tale entità: ciò nonostante il debito espolde. Mai una volta che qualcuno abbia protestato, organizzato mobilitazioni, bloccato autostrade. In Francia quando è stata alzata l’età pensionabile a 61 anni è successo il finimondo. Da due anni a questa parte sono state introdotte finestre, finestrone, slittamenti e quant’altro e il popolo: tutto tace. I sindacati: tutto tace. :” Eh dobbiamo pagare per lo spreco che è stato fatto. Eh ce lo impone l’Europa. Ma si dopotutto dove si sta meglio che in Italia. Questo è il paese del bengodi.” In questa nazione ci sono milioni di pensionati invalidi falsi; ci sono baby pensionati che costano alla stato una barbarità; ci sono una montagna di evasori fiscali; esistono un sacco di furbi che incassano pensioni anche di persone defunte. Questo è un paese di furbi che appena può te lo mette in quel posto, che non ha neanche le palle per andare a protestare. Ora, tutta la cosa puzzolente che è stata schiacciata per anni, sta esplodendo. I problemi vanno risolti man mano si presentato, non strafottersene vivendo alla giornata, perchè prima o poi si ripresentano ingigantiti. CARO BLACKFLAME 87 ti don un consiglio da vero amico: tu che sei ancora giovane, molla tutto e vedrai che in qualsiasi altra nazione Europea o non, per trovare un posto di lavoro non dovrai essere riconoscente a vita ad uno squallido politico, ma sarai valutato per quello che sei. In questa nazione non c’è futuro.
18/07/2011 19.20.24

saldei
Spagna e Italia sotto tiro: gli speculatori sfidano l’Europa
Come salvare l’euro col mio binary system. Create un euro nazionale, parallelo, equivalente da usare per pagare salari e pensioni di stato. Dopo due anni di circolazione nel suolo nazionale redimerlo al 1.5% Questo euro parallelo puo essere usato entro confini nazionale come l’euro originale ma rimane con una scadenza fissa. Questo e’ una forma di italian bonds per tagliare fuori speculatori. regards: saldei vancouver
18/07/2011 18.31.48

biricc
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Le banche invece di concedere credito alle aziende favorendone la crescita hanno preferito investire in titoli di stato andando di fatto a finanziare una impresa con una voragine di bilancio incolmabile. Hanno fatto la stessa cosa con i bond argentini scaricando le nefaste conseguenze sui risparmiatori. Credo che ora rimarranno con il cerino acceso in mano in quanto l’Italia non è abbastanza strutturata per superare questa crisi. Ci vorrebbero scelte politiche coraggiose ma nessuno è disposto a farle perchè le persone veramente coraggiose sono tutte fuori dalla politica.
18/07/2011 17.36.52

vincenzoe
Mps: plafond 500 mln per settore agricolo e agroindustriale
MPS farebbe meglio a rientrare dei 2 miliardi di tremonti (o tremorti) bond, miliardi che ha già incassati da tanti fessi piccoli e medi risparmiatori. Prima dell’aumento di capitale affermarono tassativamente che i miliardi incassati sarebbero serviti anche per tale rientro, adesso nelle varie dichiarazioni parlano di ipotesi, probabilità, autorizzazione da parte della Banca d’Italia, ecc. Non vorrei che anche questi soldi finissero non si sa dove. E’ giunto il momento della vera trasparenza, basta speculare sui cittadini con frasi ambigue e discorsi pomposi.
18/07/2011 17.35.06

Higgs
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Destra, sinistra, centro-destra, centro-sinistra….blablabla Giorgio Napolitano quest’anno riceve duemila euro al mese in più del giorno in cui è stato eletto nel non lontano 2006. Anche quando sono state tagliate indennità e rimborsi spesa di deputati e senatori l’assegno personale del presidente della Repubblica è restato indenne. Anzi, è continuato a crescere. Era di 215 mila euro nel 2006, oggi è di 239 mila euro. In cinque anni è lievitato dell’11,26%, perfino più della dotazione del Quirinale (salita dell’8,57% nello stesso periodo). Insomma, Napolitano ha chiesto ai suoi dipendenti di tirare un po’ la cinghia, ma non ha dato il buon esempio. Per altro lo stipendio (che è di poco inferiore a quello del presidente Usa, di 280 mila euro) a Napolitano serve ben poco. Ogni suo bisogno primario (vitto e alloggio) e ogni spesa è soddisfatta a parte dal bilancio del Quirinale…
18/07/2011 17.06.06

x10274
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Davidgiovanelli ma dove vivi. Molto probabilmente non conosci come funziona la Borsa. E chi ti ha detto che non puoi shortare o tenere una posizione più di un giorno. Oggi questi strumenti sono a portata di tutti (per fortuna o sfortuna) compreso te. Poi possiamo discutere se è giusto o sbagliato. Certo una cosa ti devo ricordare lo short è sempre esistito (da almeno 500 anni non è un errore di scrittura) e si verifica solitamente quando uno strumento finanziario è stato troppo gonfiato in su (Long). Forse ti piaceva di più quando tutti spingevano Unicredit in su (long) a 7 euro e più. Però nessuno si è lamentato poi quando il titolo è sceso prima a 5 poi a 4 poi 3 ecc. Ora oggi tutti pronti a gridare allo scandalo. Forse se fossimo un paese con basi solide tutto questo non sarebbe possibile. Finiamola a dare la colpa agli altri e ribelliamoci a questa casta (compreso alcuni cittadini italiani).
18/07/2011 17.00.05

Pinuccio49
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Lalla72 26) Con la manovra appena varata i nostri politicanti (lg nr 20) hanno fatto perdere al Paese intero una grande occasione: dimostrare in campo internazionale di essere un grande Paese, con ben saldi i principi della credibilità e giustizia sociale. Quando vengono lette le cifre che costa la politica da noi, mantenuta anche da pensionati a 400euro al mese, cosa volete che pensino all’estero? Mi chiedo su quali basi dovrebbero investire da noi. Il dramma è proprio questo e senza tanti giri di parole: mancano gli investimenti esteri in Italia perchè non siamo credibili evidentemente.
18/07/2011 16.37.55

ameit56
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Certo, l’occhio lungo degli investitori, e non solo degli speculatori, spinge a vendere italia. Vendere banche, fianaziarie e industriali. La manovra fatta va verso un carico fiscale generalizzato. Non hanno aumentato le aliquote irpef, perchè sanno che le partite iva non riescono più a pagare le tasse, e quindi non serve aumentare le aliquote. I soldi invece li prendono dove sanno che tutti devono passare. Accise sulla benzina, aumenti sulle bollette ecc… Non hanno ancora capito (ma secondo me hanno capito benissimo e per quello nessuno adesso vuole andare al governo) che la strada della stangata agli italiani porterà senza ombra di dubbio alla chiusura di tante piccole società che non possono più sopravvivere. Ma la gente non può morire di fame. Dovrà forzatamente incrementare le file del lavoro nero. Dove i soldi che porti a casa sono i tuoi e non dello stato. Comunque poi attraverso l’iva su tutto ciò che compri e i balzelli che trovi ad ogni piè sospinto lo stato non rimane mai a becco asciutto. Triste pensare che l’unica salvezza per molti sia la chiusura dell’attività per togliersi l’incubo di un socio (lo stato) che vuole soldi anche se non ce ne sono. Che vuole più della metà di quello che guadagni e non fa nulla per aiutarti, anzi, ti mette sempre i bastoni fra le ruote
18/07/2011 16.35.31

davidgiovanelli
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Una manica di ribassisti incalliti vedo qui su Wallstreetitalia…bravi…con le vostre politiche si andrà proprio lontano…le vendite allo scoperto NON HANNO NESSUNA RAGIONE D’ ESSERE IN TERMINI REALI…esistono solo ed esclusivamnete per speculatori macellai e senza scrupoli…almeno si lasciasse speculare al ribasso chiunque!!!! Non mi risulta che io possa avere dei titoli in prestito per poterli vendere…non mi risulta che un privato possa avere “regolamenti” di titoli che superino il giorno stesso…e non mi si venga a parlare di strumenti del tutto marginali come opzioni o covered warrant per cortesia…QUI NESSUNO DICE CHE SI STA GIOCANDO ANCHE E SOPRATTUTTO COI RISPARMI DELLE PERSONE CHE HANNO INVESTITO IN FONDI (SOPRATTUTTO OBBLIGAZIONARI)…@belfagor mi faccia la cortesia di conteggiare il saldo del debito pubblico italiano anche a fronte di quello estero che abbiamo NOI in contropartita…e scoprirà che la vera esposizione dell’ estero sul debito italia è ben inferiore al 20%!
18/07/2011 16.16.21

Odino
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Al di là del fatto evidente che l’attacco della speculazione è esagerato, c’è da dire che questa manovra ha scaricato sul futuro governo i provvedimenti più severi e, sul piano internazionale c’è la percezione che questa classe dirigente non è idonea a gestire il nostro paese. Aggiungo anche che l’opposizione sarà più credibile quando proporrà tagli concreti alla spesa della politica, che anche se fosse parametrata alla media europea sarebbe sempre alta vista l’inettitudine della maggior parte dei nostri politici. 18/07/2011 16.14.03

AlessandroBa
Berlusconi in gondola tra due escort, lo Spiegel sfotte l’Italia
E come si fá a non ritenere incredibile che il governo di una nazione sia nelle mani da decenni a uno che aveva il mafioso Mangano come dipendente? E che costui governi con il consenso della grande maggioranza degli italiani? Che nazione affidabile é quella che ha generato leggi per cancellare reati finanziari, far pagare agli italiani il fallimento Alitalia e dare la parte sana agli “imprenditori coraggiosi”, ignorare per decenni la grave situazione de debito e nutrirsi di ballerine e scandali, senza far nulla per la crescita, gli investimenti? Il sud Italia é in mano alla mafia, lo sanno tutti, Napoli é nella spazzatura da anni, insomma devo continuare? E´come sparare sulla croce rossa…
18/07/2011 15.55.46

Lalla72
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Hanno smosso mari e monti, sbandierato a destra e a manca che bisognava varare al piu’ presto questa manovra per salvare la borsa, per evitare la speculazione, hanno stressato tutti a tal punto che anche l’opposizone, solo per senso di responsabilità, ha permesso che venissE approvata in tempi rapidissimi…ed a cosa è servita? A niente, la borsa è in perdita, perchè nessuno ha mai creduto che questa manovra potesse salvare qualcosa…una cosa si l’ha salvata…i privilegi della casta…e basta!!! Ma che si VERGOGNINO!!! 18/07/2011 15.46.58

toni21
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
L’andamento odierno della ns borsa dimostra palesemente che la comunità finanziaria internazionale disapprova la manovra finanziaria prodotta da questo governo perchè, lo capiscono anche gli ignoranti, di cambiamenti finalizzati allo sviluppo delle basi che costituiscono la premessa per una crescita futura, non ce n’è neppure l’ombra. Questo governo, infelicemente rappresentato dal berlusca, sta solo cercando di galleggare per garantirsi i famosi privilegi che conosciamo quasi tutti, le misure che sono state prese per le pensioni e gli stipendi dei politici fanno ridere i polli. Scuola, famiglia, cultura in tutte le sue forme, industria, ricerca, ecce ecc = ZERO. Le fondamenta si stanno esaurendo e quanto prima il castello di carte crollerà. Se vogliamo che la comunità finanziaria internazionale ritorni ad apprezzarci bisogna che berlusca SPARISCA DALLA POLITICA E DALL’ITALIA
18/07/2011 14.40.30

pchiare
Banche: i trilioni di prestiti di cui tutti si dimenticano
Cari del Wall Street Italia, siete molto bravi a catastrofismo e strabismo, guardate anche la posizione dell’america… “Oggi si capirà quanto sia accanita la speculazione finanziaria contro l’Italia. Si tende a pensare che ci sia una spectre di cattivoni che ce l’abbia con noi. In realtà sono signori che vogliono fare quattrini: circostanza piuttosto comune in giro per il mondo. E i quattrini si fanno, in finanza, dove c’è maggior rischio. Scommettere contro uno Stato Sovrano (già la parola dovrebbe incutere un certo timore) è un bell’azzardo e proprio per questo può diventare davvero lucroso. Se si dovesse ragionare con i puri numeri, ci si dovrebbe chiedere perché gli gnomi della finanza puntino le loro fiches sull’Italia e non sugli States. La domanda è solo apparentemente retorica. I freddi numeri ci raccontano che le finanze pubbliche americane stanno molto peggio delle nostre. Il motivo è semplice. Fino al 2008 le famiglie americane erano molto indebitate: compravano case senza un becco di anticipo, spendevano con carte di credito a rate e mandavano i loro figli all’università grazie a un generoso prestito bancario. La crisi ha bloccato le erogazioni delle banche e per un trimestre (il primo del 2009) l’economia mondiale si è fermata. Che ti pensa la politica a stelle strisce? Easy, basta copiare l’Europa. I debiti dei privati sono diventati debiti dello Stato (alla fine sempre dei cittadini, ma in forma diversa). E il governo si è messo a salvare tutti, a partire dalle banche. Oggi Obama si trova con un debito pubblico reale (compresi i due mostri Fanny e Freddy) superiore a quello italiano. Ha un deficit pubblico doppio del nostro. Una disoccupazione del 20 per cento superiore a quella italiana e una crescita ridicola rispetto alla tradizione americana. E le agenzie di rating (americane) stanno mettendo sotto osservazione il debito degli States. Perché gli speculatori non sono ancora andati da quelle parti? Perché Tremonti deve pagare un Bot il 3 per cento mentre un titolo pubblico di pari durata americano rende (e dunque costa a Washington) circa lo 0,5 per cento? Perché in America può fallire uno Stato, il Minnesota, che da un giorno all’altro non paga più lo stipendio ai suoi 22mila dipendenti, e nessuno a Wall Street o a Londra batte un ciglio? Banale. Obama ha lo scudo spaziale, che non è quello di Reagan, ma si chiama Fed. La Banca centrale americana è piena zeppa di titoli di Stato a stelle e strisce. Il procedimento è semplice. Washington emette titoli pubblici perché deve aiutare l’economia e deve coprire i buchi delle banche e la Fed li compra. Il loro prezzo viene così mantenuto basso. In buona sostanza gli americani stanno stampando moneta a più non posso. […] La Fed sta drogando l’economia americana e la sua crescita ridicola (fatta per la gran parte in deficit) lo testimonia.” Cordiali saluti… si l’europa è sull’orlo del baratro, ma cosa pensate che se crolla l’europa, l’inghilterra e l’america non ne subiranno il tracollo?… (certo è solo un gioco al ribasso, non credete nemmeno voi aquello che dite..) mah fate voi
18/07/2011 12.24.31

QuattroBejina
Berlusconi in gondola tra due escort, lo Spiegel sfotte l’Italia
Il fatto stesso che molti commenti si concentrino più sul dito (“Der Spiegel”) che indica la luna (l’Italia devastata dal b.ismo) che non sulla luna stessa, fa capire molto bene a che punto siamo in questo paese – ed in effetti anche quando escono gli articoli dell’Economist accade la stessa cosa. La tendenza all’atteggiamento spocchioso di questi settimanali verso l’Italia è ormai nota, e certamente fastidiosa, tuttavia è ridicolo prescindere da una oggettività dell’efficace analisi che viene fatta del nostro paese.
18/07/2011 12.13.12

titano41
La D’Addario non si ferma: “Denuncio chi mi ha usata”
Normalmente sono interessato nel fare qualche commento agli argomenti economici e politici. Ma visto il titolo di WSI sulla escort che non è più escort, ho letto anche l’articolo sottostante. Tanto per fare un break dai mercati, che per ora, un po’ per forza di inerzia e un po’ volutamente manovrati (per dare un segnale negativo sulla manovra) sono ancora sul segno meno. Tutto quanto descritto fa venire veramente un senso di nausea. E questo si allarga perchè si ipotizza che ci sia stata quasi una complicità di qualche giornale/giornalista nel costruire volutamente una tesi che andasse a danneggiare il Presidente del Consiglio. Evviva la deontologia professionale ! A livello morale se si avverassero certe ipotesi siamo ai minimi termini. Giustamente si può dire che è un vero schifo. La Sarzanini, della quale leggo, “quasi sempre” con interesse i suoi articoli, dovrebbe difendersi anche querelando chi di dovere. Poi non mischiamo, pere e mele, l’escort non c’entra nulla con l’oro a 1600§ l’oncia, o lo spread del bund/BTP o l’andamento dei mercati o per ultimo la manovra economica. Questa signora, guardando il grafico della sua notorietà, lo ha visto in forte ribasso e, come fanno spesso le società di rating, ha fatto una dichiarazione eclatante a qualche giornale, non potendo questa volta contare su Anno Zero. Se fossi stato in Filippo Facci, non avrei sprecato neanche un kbit di memoria del suo computer, nel darle corda….scrivendo quel lungo articolo. Parlavo ieri in famiglia, della situazione in generale, alla fine, facendo una sintesi di quello che si era detto, siamo stati tutti d’accordo, nell’affermare che è veramente un brutto mondo, anzi una brutta nazione, dove si è messa da parte la morale e purtroppo si è diventati fortemente individualisti, quasi per difendersi da quello che i nostri governanti, non fanno (per noi). Questo ovviamente per sopravvivere ad una situazione che per ora, non ha grandi vie d’uscita (neanche cambiando governo).
18/07/2011 11.51.08

denby3
Italia: Moody’s, manovra negativa per debiti locali
Le agenzie di rating non fanno altro che il loro dovere,è giusto che attacchino l’italia come altri stati indebitati,FINO AD ORA IL NOSTRO GOVERNO HA NASCOSTO LA VERA SITUAZIONE DRAMMATICA CHE CHE CI TROVIAMO, e finalmente adesso ci pensano le agenzie a far aprire gli agli italiani e far capire che le soluzioni…saranno impossibili. Ringraziamo i nostri governi se siamo nella m….. e non diamo colpa alle agenzie che dicono solo la realtà della situazione italiana.
18/07/2011 11.07.53

salvcond
Italia: Moody’s, manovra negativa per debiti locali
@ belfagor – pienemente d’accordo con lei. In economia e finanza è assolutamente obbligatorio ragionare a freddo. Rapidamente ma senza travolgimenti emotivi. I comuni italiani, grazie anche a banche prive di scrupoli, sono pieni di derivati che hanno loro permesso di posticipare debiti che non avrebbero potuto coprire. Prima o poi scoppierà anche questa grana. Insomma la barca fa acqua da tutte le parti e non basta mettere toppe alla bisogna. Ci vuole qualcuno che sappia affrontare il problema seriamente e studi un piano in parte a breve, in parte a lungo termine per offrire soluzioni definitive. E intanto continuerà ad impazzare il vento della speculazione. Suggerimento: visto che nessuno di noi (almeno credo) è in grado di influire sui mercati, cerchiamo almeno di cavalcare l’onda.
18/07/2011 11.05.55

franc_p
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib -3.06%
Adesso la speculazione internazionale ci distruggerà… dopo che questo governo ci avrà spennato di tasse e tagli. Il governo ha perso ogni credibilità con questi barzellettieri esperti di bunga bunga….. D’altra parte gli italiani hanno votato di nuovo partiti che già avevano portato al governo personaggi corrotti come Previti e ora ci ritroviamo con i suoi eredi come Papa, Milanese, Cosentino, Verdini, Romano e buffoni come Brunetta che fanno solo proclami. Questi sono gli stessi che hanno trasformato la politica in una rissa continua, in un vociare di insulti. Sono quelli che sventovalano la mortadella e hanno festeggiato in parlamento (come fosse un’osteria) alla caduta di Prodi. Li avevate votati? Adesso pagate…
18/07/2011 10.49.41

enciclopedia
titano41
Un nuovo indicatore: lo spread WSI Ita/Usa, differenziale Btp/Treasury
Egregio direttore, ben venga il vostro nuovo indice, tanto più comodo se lo calcola il vostro giornale quotidianamente. Tuttavia, non vorrei che con tutti questi indici si faccia la fine di quegli investigatori di polizia che invece di agire seguendo il loro fiuto, alla fine sono condannati all’inazione da una moltitudine di “evidenze scientifiche” portate loro dai RIS che smentiscono quelle del giorno precedente. Ovviamente, parto dal presupposto che i CSI americani sono meglio dei RIS nostrani. Entro nel merito. In primo luogo, un indice dovrebbe essere accompagnato da una serie storica che permetta di investigarne la qualità descrittiva o predittiva. Ad esempio: se lo spread rispetto al bund fosse sempre superiore rispetto a quello sul treasury, potrebbe essere interessante osservare l’andamento del differenziale nel tempo per cogliere qualche significato recondito, ma certamente sarà d’accordo con me che il nuovo spread assumerebbe maggiore importanza se nel tempo, a volte, sopravanzasse quello rispetto al bund. In secondo luogo, lei ipotizza che oggi questo nuovo spread attesti che i mercati non credono al default degli USA, cosa che peraltro non credo neanche io per motivi su cui per ragioni di spazio sorvolo. Tuttavia, si potrebbe altrettanto giustificare che i mercati, semplicemente, ritengono più affidabili nell’ordine: germania, USA e italia e, conseguentemente, valutino lo spread rispetto al bund ad un livello più elevato rispetto al treasury. Non ritengo debba essere difficile per un quotidiano d’informazione economica calcolare, ad esempio, gli spread medi mensili o semestrali degli ultimi 5 anni. Cordialmente
18/07/2011 10.49.29

marcopezzi – 18/07/2011 21.29.52
Mercati: pollice verso a manovra
Se mi è consentita una critica ho letto di tutto tranne ciò che invece si dovrebbe urlare al pubblico: primo, che non sono i mercati ad aver bocciato la manovra ma quattro grossi speculatori decisi a colpire l’europa attraverso l’ italia. secondo: gli stessi speculatori stanno ricomprando le nostre aziende (perchè vorrei ricordare, visto che ormai nessuno lo fai pù, che le azioni quotate in borsa altro non sono che pezzi di azienda) a prezzi da saldo. il grosso della massa, leggendo articoli faziosi e poco precisi, sarà spinto a pensare che il collasso è vicino e che quindi (per salvare il salvabile)`sia necessario vendere il vendibile e dimenticarsi di questa (ennesima) vergognosa, ingiusta, immorale speculazione. Ricordiamoci che ad ogni venditore corrisponde SEMPRE un compratore (e che ognuno sta pensando che l’altro è un imbecille)…sempre che le due figure non corrispondano (per il semplice giochetto dello spingere un trend al rialzo…o al ribasso). Un particolare che sarebbe il caso ricordare è che questa mattina il Bund future ha aperto ad un prezzpo che corrisponde ad un rendimento decennale del 2,75%, che confrontato con il costo ufficiale del denaro indica un differenziale dello 1,50% (contro il 2,90% della curva USSA. Un margine minimo che è riconducibile ad una violenta e profonda recessione economica, che oggi non esiste. I motivi quindi sono ben altri, vediamo di non cascarci.

aprati5
Spagna e Italia sotto tiro: gli speculatori sfidano l’Europa
Se, come sembra, il vero obiettivo della speculazione è l’euro, almeno ha il pregio di metterci di fronte alla madre di tutte le contraddizioni europee fino ad ora mai risolte e che … FORSE mai si risolveranno: una unica moneta e una unica politica monetaria con più stati sovrani aventi politiche fiscali, di bilancio ed economiche di fatto indipendenti tra loro. In pratica l’Europa è a metà del guado, probabilmente è arrivato il momento (ob torto collo) di decidere se andare avanti, ponendo le basi per passare rapidamente ad uno stato federale europeo dotato di una sovranità reale spiazzando così la speculazione, oppure tornare idietro ripristinando le singole valute nazionali, rinunciando all’euro e a fare parte di un paese più forte ed autorevole di qualsiasi paese preso singolarmente. Non vedrei alternative credibili a questi due scenari. – Prima domanda: sapranno i leader europei assumersi la responsabilità diandare avanti? forse sì: visto che sono tutti deboli cedere un pò di sovranità potrebbe essere più facile; – Seconda domanda: chi ha interesse a impedire il rafforzamento dell’Europa? boh Saluti.
18/07/2011 20.03.50

fifaedo
Nuovo attacco all’Italia e alle banche: sospesi 4.200 titoli. Ftse Mib scivola -3.06%
QUANDO IL MAL GOVERNO DIVENTA UN DESTINO. Circondarsi di giovani amanti, come Coda di Cavallo, in sostituzione di una moglie ormai quadrata, non aveva fatto altro che mettere in evidenza la propria decadenza, la propria decrepitezza. Il piacere era stato sostituito con il vizio e il viagra . La serenità con l’ accidia . Quello che toccava con mano non si trasformava più in oro , le una tantum gli avevano falciato l’erba sotto i piedi e il fienile delle vendite del demanio pubblico si stava vuotando. La politica della ciotola sempre piena si era rivelata una pia illusione e nei navigli della Milano da Bere, l’ acqua si era intorpidita , diventando imbevibile. La finanza pubblica navigava a vista e come nella Spagna degli Asburgo . Per fare cassa, si impegnavano i redditi delle miniere e i pascoli migliori , così facendo non si privatizzava, ma si infeudava lo stato . Non c’ erano uomini abili come un cardinale Richelieu o un Mazzarino, che con le buone e la lusinga delle rendite o con la forca, sapevano tenere a freno i Grandi del regno , intaccando la sovranità dei loro domini , come l’ acido il ferro . Non c’ era un’ idea di stato, ma, piuttosto, una strana voglia da rompete le righe , di parcellizzazione. Mentre la Francia trovava la sua dimensione europea , la Spagna degli Asburgo ripiegava su se stessa, frantumandosi. Ritornavano sulla scena gli interessi particolari dei grandi elettori , delle città stato , ma non per motivi nobili. Finché la guerra nei Paesi Bassi e la grandeur erano pagate con il sudore degli indios americani schiavizzati per scavare oro e argento nelle miniere , tutti andavano d’ amore e d’ accordo e ,non si andava tanto per il sottile, quando ci si sedeva a banchettare. Il problema era sorto quando si doveva pagare il conto di tasca propria , quando non era rimasto più niente da spartire e la presenza dei laboriosi Marrani e dei Moriscos era stata cancellata dal suolo spagnolo.
18/07/2011 16.03.31

dgtelecom
Forza SpiderTruman: 300.000 fan anti-Casta su Facebook
…penso che al giorno d’oggi sia difficile credere e si metta in dubbio l’autenticità di qualunque parola o informazione ci pervenga dai mezzi di informazione convenzionali e specialmente dalla rete… è forse vero che quest’uomo misterioso non stà rivelando qualcosa di “sconosciuto”… CREDO PERO’ che abbiamo bisogno di INPUT che ci aiutino a ricordare che siamo un POPOLO… siamo ITALIANI sopraffatti da un governi di vecchi IMBECILLI, LADRI, VIGLIACCHI barricati dietro il potere delle loro leggi fatte solo ed esclusivamente per proteggersi… Tutti abbiamo il sacrosanto diritto di ESSERE MESSI IN CONDIZIONE di LAVORARE, GUADAGNARE in proporzione alle nostre capacità e al nostro impegno, e METTERE NELLE NOSTRE TASCHE il frutto del lavoro per GODERCELO NOI!! …e non per regalarlo a tutti questi figli di puttana!!! Se una pagina come questa, che sia vera o no non ci importa, …se unisce 200.000 persone in poche ore e… crescerà, vuol dire che ci siamo tutti rotti i c… di questi vecchi bavosi!!! …e allora BENVENGA!! …cominciamo a confrontarci, a capire che non siamo soli… che in tanti vogliamo la stessa cosa!! …che anche se abbiamo “simpatie” diverse per i vecchi “colori” di partito, ormai questi non esistono più, ma esiste solo una voglia comune di cambiare il sistema governativo fatto di ladri!! …fatto di politici che NON SIAMO PIU’ noi a SCEGLIERE ma che si scelgono fra loro continuando ogni giorno a prenderci per il culo con discorsi, promesse, “leggine” che ci regalano una briciola in cambio del nostro sangue!! …abbiamo bisogno di un LEADER con le PALLE per SOVVERTIRE e FAR SPARIRE TUTTA QUESTA MERDA!!! …cominciamo a parlare così… senza insultarci come ci insegnano subdolamente i politici in TV, perchè è questo che loro vogliono!… finchè non siamo capaci NOI a parlare, comunicare, scambiarci idee, confrontarci… senza offenderci, LORO continueranno sempre a tenerci come marionette!! …e noi NON SIAMO MARIONETTE, …SIAMO ITALIANI!!! …CAZZO!!!
18/07/2011 10.36.59

ROBYLUCCHI
Un ‘cigno nero’ per il governo: «Incidente» per Tremonti
grillo magari dice cose giuste, ma, purtroppo, non è persona attendibile., e quindi cose anche corrette vengono prese per barzellette e quindi il popolo gli grida.. a grillo facce ride…- di comici in politica ne abbiamo a iosa.ma voglio raccontarvi una favola .esisteva nella foresta umbra..ma si trova in puglia.. una gentile donzella dai facili costumi..pensate conviveva con 7 nani…che, improvvisamente venne ricevuta a corte . smaliziata come era e presagendo di andare incontro ad una ..trombata..non solo metaforica si recò all’appuntamento munita di registratore guanti cuffie e persino una sala d’incisione che avrebbe dovuto registrare tutti i rumori . con solo chanel 5 addosso fece il suo dovere. per il vero senza faticare troppo. ritornata sulla strada, pardon nella sua casetta per la quale aveva chiesto una licenza atta ad ingrandirla..sette nani sono sempre 7 nani e dormir nello stesso lettone era ormai sconsigliabile. l’avvocato e la giornalista di un giornale antimonarchico la cosidetta..repubblica.. convinsero la povera patrizia dietro anche minacce di pm vogliosi di incastrare il principe a rendere pubblico il famoso incontro per il quale non percepì manco una lira. una barese meno furba di una marocchina?.non c’è più religione. venne quindi trasformata in una nemesi vendicativa pronta ad essere scagliata contro il principe reo di aver .trombato, si fa per dire.. a casa sua e senza pagare un franco.anzi una lira non è mica strauss kahn. ora la pulzella del tavoliere si pente e capisce di essere stata ,,strumentalizzata.. e senza guadagno alcuno e vuole incatenarsi al portone di villa grazioli per chiedere perdono al diffamato principe ingiustamente perseguitato dalla consorteria giudiziaria.i 7 nani meditano l’abbandono. gongolo interrogato spiega così. ma se veniva presa sul serio prima perchè non dovrebbe essere creduta anche adesso?. e se mente forse mentiva anche prima. i 7 nani sono stati visti aggirarsi in preda a forti mal di testa nei pressi del motel agip di bari. attendiamo sviluppi e che travaglio ce la mandi buona.
17/07/2011 18.12.16

enciclopedia
Italia ed euro sull’orlo dell’abisso
Storia del debito pubblico italiano da: http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20100628_00/testointegrale20100628.pdf Anno milioni di debito % su pil governo in carica da 1984 284.825 74,4 agosto 83 craxi I 1985 346.005 80,5 1986 401.499 84,5 agosto craxi II 1987 460.418 88,6 aprile fanfani IV luglio goria 1988 522.732 90,5 aprile de mita 1989 589.995 93,1 luglio andreotti VI 1990 663.831 94,7 1991 750.798 98 aprile andreotti VII 1992 847.596 105,2 giugno amato I 1993 959.111 115,6 aprile ciampi 1994 1.069.415 121,8 maggio berlusconi 1995 1.151.489 121,5 gennaio dini 1996 1.213.508 120,9 maggio prodi 1997 1.238.170 118,1 1998 1.254.386 114,9 ottobre d’alema 1999 1.282.062 113,7 dicembre d’alema II 2000 1.300.341 109,2 aprile amato II 2001 1.358.333 108,8 giugno berlusconi II con tremonti 2002 1.368.512 105,7 2003 1.393.495 104,4 2004 1.444.563 103,8 2005 1.512.753 105,8 aprile berlusconi III senza tremonti 2006 1.582.067 106,5 maggio prodi II 2007 1.599.790 103,5 2008 1.664.204 106,1 maggio berlusconi IV 2009 1.761.229 115,8
17/07/2011 12.27.04

marcopezzi
Italia ed euro sull’orlo dell’abisso
Vorrei fare una domanda: perchè si vorrebbe la fine dell’euro? chi potrebbe guadagnare da un simile scenario? Gli stati uniti? nostri partner commerciali e politici? la cina? che dipende dalle esportazioni? qualche oscuro fondo islamico dai fondi illimitati alla ricerca della giustizia santa contro il male occidentale? il cugino di Bin Laden? oppure è soltanto un efficace stratagemma per obbligare le popolazioni degli stati “meno virtuosi” ad accettare austere misure di bilancio e sacrifici? Se la Germania e la Francia avessero voluto liberarsi degli stati periferici in questi ultimi due anni non avrebbero dovuto far altro che “lasciarli andare”. Purtroppo (e per ovvie ragioni) le loro banche sono piene zeppe di titoli di stato greci, italiani, spagnoli e portoghesi, ed un loro fallimento trascinerebbe anche le stesse banche al disastro. Qualcuno si è chiesto il motivo di queste voci di bilancio? altruismo verso gli stati deboli? ma per favore, siamo onesti, ciò che conta sono gli interessi sul capitale. Veniamo a noi: l’Italia non potrà mai fallire, però se le facciamo pagare qualche punto in più ben venga…giustifichiamo gli interventi sugli altri stati. Il confine tra economia e politica ormai è sottile, quasi inesistente. Sono convinto che come per magia un giorno verranno trovate le soluzioni a questa presa in giro che sono i bilanci degli stati. Per quanto riguarda l’europa saranno i tremonti bond, gli eurobond con capitale a prestito garantito dai privati, o strumenti simili ma con il medesimo scopo. Gli usa risolveranno la questione ancora più in fretta: dopo qualche lite in diretta televisione raggiungeranno il compromesso (già chiaro a tutti). Perchè sono così ottimista? perchè non ci sono alternative. D’altrocanto chi potrebbe aver voglia di incassare questo gigantesco pagherò mondiale? Ma soprattutto, a quale banca ci si dovrebbe rivolgere per l’incasso?
16/07/2011 12.04.57

marcopezzi
Stress test: solita farsa delle lobby politico bancarie (e noi paghiamo…)
mie cari signori mi trovo in completo disaccordo con la vostra valutazione vorrei in questa sede ricordare che la situazione speculativa che si è venuta a creare sui credit default swap è diretta conseguenza dei ripetuti e vergognosi attacchi da parte delle agenzie di rating. Associazioni a delinquere il cui unico scopo è quello di muovere i mercati per favorire dietro le quinte pochi istituzionali. Questi strumenti, nati come assicurazione sul default, sono ormai diventati uno strumento di speculazione in un mercato poco chiaro e poco credibile in mano a pochi soggetti. Il giorno nel quale verranno finalmente regolarizzati cesseranno anche queste vergognose problematiche economico-sociali. I rating, e di conseguenza i tanto acclamati prezzi dei cds, non rispecchiano in alcun modo le situazioni di bilancio degli stati ma soltanto la percezione che i mercati dovrebbero avere di quegli stati. Per caso la situazione di oggi dell’Italia è forse così peggiorata in tre mesi? O forse è solo un intelligente quanto subdolo attacco all’europa nel suo complesso? la Germania avrebbe poco da guadagnare in un eventuale collasso Italiano, ed il mondo ancora meno. In un mercato globalizzato come quello moderno una simile situazione causerebbe un disastro di proporzioni bibliche. Gli usa sono ad un soffio dal default tecnico. Si sta parlando di togliere loro la tripla A. Ma stiamo scherzando? Dovrebbero già avere come minimo la B se usassimo lo stesso metro ed il medesimo giudizio. Ma evidentemente l’essere umano non si vergogna ormai più di nulla e si consiglia di comprare oro o franchi svizzeri… La svizzera, come ha fatto notare un lettore, è messa peggio di noi, con un’economia basata su poche banche (piene zeppe di debiti) e poche aziende (pressate da un cambio ormai ingestibile ed inaccettabile). Il franco è al suo massimo sull’euro. L’oro è al suo massimo di sempre. La realtà che se non ci fidiamo uno dell’altro e non ci sopportiamo uno con l’altro in questo momento è la fine del mondo economico così come lo conosciamo. Non esiste, ripeto non esiste, alcun posto sicuro per nessun tipo di danaro. Tutto si risolverà in una immensa, gigantesca e scontata farsa. Verranno regolamentati i mercati sui cds e vietate le vendite allo scoperto nude, le agenzie di rating riceveranno una lavata di capo, la grecia ricomprerà il suo debito al 50% o meno del suo valore, gli stati uniti alzeranno il tetto del debito ad una cifra incomprensibile ed il mondo tornerà a sorridere come per magia verso la prossima grande, immensa, inevitabile crisi. Nel frattempo ci divertiremo un poco anche noi.
16/07/2011 0.50.28

jesusjustleftchicago
Questi qui tassano il 99% meno abbiente per dare all’1% più ricco
è facile prevedere un aumento dell’evasione fiscale. L’italia è oramai su un binario morto, misure recessive che vanno a colpire la parte della popolazione che realmente sostiene l’economia. I mentecatti che stanno al governo non hanno ancora capito, eppure hanno fior fiore di lauree, che l’economia non è sostenuta da chi compra ferrari o ville faraoniche, questi semmai provocano stagnazione, ma è sostenuta da chi compra apppartamenti da 70 metri o fiat panda. Si colpisce questa parte, la quale, per far fronte alle nuove tasse, dovra’ diminuire ulterirormente le spese, probabilmente diminuira’ ulterormente la natalita'(con un figlio al nido e un affitto gia’ se ne vanno almeno 1300 euro al mese). Una situazione che, in un paese sulla via della deindustrializzazione, non potra’ piu’ migliorare. Il debito, proprio per definizione e strutturazione, non potra’ mai essere estinto, le entrate non potranno mai essere superiori slle uscite in un sistema basato appunto, sul debito. Una soluzione potrebbe essere l’uscita dall’euro ed una nazionalizzazione della banca d’italia con ritorno di emmissione di moneta su base aurea. Le soluzioni fino a qui praticate e che, con tutta probabilità, si continueranno a praticare in futuro, penso che, lentamente, ci porteranno prima al dissanguamento e poi inevitabilmente alla bancarotta, a meno di qualcosa che possa intervenire prima…
15/07/2011 23.37.05

CAMEL58
Mercati: Italia sotto attacco? Fanno bene, se lo merita
L’aspetto paradossale è che la zona euro ha dei conti pubblici,più sani degli Stati Uniti e del Giappone.Il debito di quest’ultimo è quasi il triplo di quello europeo.Eppure è la zona euro ad essere attaccata.Ciò mostra bene,che non si tratta di fondamentali macroeconomici.Dopo la Grecia,l’Irlanda,la Spagna e il Portogallo,arriva il nostro turno,presto toccherà alla Francia o alla Germania.Quello che scoraggia è che non c’è nessuno,oggi, dalle cattedre universitarie,dai media,dai seggi di comando politico,dotato del coraggio necessario per dire,chiaramente,che, forse, nell’intero sistema di strozzinaggio mondiale c’è qualcosa di assolutamente immorale e mortifero.Per il piccolo strozzino di quartiere scoperto a praticare prestiti usurai le porte del carcere si aprono immediatamente.Non si capisce,invece,che differenza ci sia o si pretenda che ci sia,dal punto di vista etico,quando lo strozzinaggio è praticato in borsa e sui titoli del debito pubblico a danno di interi popoli,addirittura,se si vuole,dell’umanità intera…
15/07/2011 22.36.14

jesusjustleftchicago
Mercati: Italia sotto attacco? Fanno bene, se lo merita
gottapa oh gottapa….il primo passo per la rinascita è il riconoscimento della propria storia e passato. La sua è pura demagogia, il suo richiamare i 6 milioni di ebrei alla memoria della germania di oggi mi da molta tristezza. Frequento molto i tedeschi e le assicuro che mai, guardandoli e parlando con loro, frequentando le loro famiglie, mi sfiora minimamente l’accostamento che lei va facendo. Questo è l’atteggiamento che i poteri forti vogliono da noi, dividi e impera, a noi questi giochini da bambini dell’asilo mentre loro, tenendoci d’occhio divertiti, possono agire indisturbati. Le danno fastidio quelle parole? anche a me, ma, rispetto a lei, fanno salire ancora di piu’ la mia rabbia contro questa classe politica che ci ha RIDOTTI A FENOMENO DA BARACCONE. Ma si guardi bene intorno, mafia in ogni dove, il parlamento ridotto a comitato di affari, i piu’ bassi stipendi e le piu’ alte tasse, ha notizia di qualche tedesco che percepisca 90000 euro di pensione mese? migliaia di enti inutili creati per dare stipendi ad amici degli amici, compravendita di lauree anche delicate, centinaia di ospedali costruiti per nulla quando lei deve aspettare mesi per un esame con a rischi la vita, migliaia di assunzioni nella PA per raccattare voti, pagate decurtando la sua pensione, distruzione delle coste a danno del turismo e a vantaggio di qualche politico colluso, italicus, itavia, piazza della loggia, piazza fontana, caso moro…..e lei se la prende con i tedeschi? Se gli italiani fossero cosi’ orgogliosi, senza macchia e senza peccato, cosi’ puri, unici al mondo, intelligenti e retti come nessun altro, si riverserebbero a Roma e la rivolterebbero da cima a fondo, mi creda. Sinceramente, lei pensa veramente che una situazione italiana si potrebbe ripetere in Francia, Germania o Inghilterra?…se lo ricorda cosa succeese in Francia solamente perchè Sarkozy voleva mettere suo figlio o suo parente che dir si voglia, a capo di un ente pubblico?……cerchiamo una buona volta, almeno adesso ad un passo dal baratro, di mettere da parte la furbizia e superbia italica e prendere atto di cosa NON SIAMO RIUSCITI A COSTRUIRE IN 60 ANNI DI REPUBBLICA…per favore…
15/07/2011 20.38.36

ragnarok
La manovra non basta. Motivo: il paese non cresce
E’ molto facile rimandare tutto a riforme strutturali, taglio degli sperperi etc. etc. Il problema è che il denaro cbe viene per alcuni “buttato” dalla finestra viene immediatamente “raccolto” dal capannello di gente che vive sotto. Quando nell’altra finanziaria si è provato a chiudere il centro per i colibrì di Trieste subito si è scatenata la tempesta guidata dal nostro Presidente Napolitano. Non meravigliamoci che poi la casta non si tolga un centesimo dalle proprie tasche.. Per quanto riguarda le riforme strutturali a mio giudizio non possono essere fatte senza interventi normativi a livello mondiale: contrasto all’export selvaggio della Cina, tutela del copyright, disincentivo per gli industriali ed i fondi che investono fuori dall’Italia ed in subordine dell’Europa. Se non si procede verso una forma anche se attenuata di protezionismo o di regolazione dei mercati (TOBIN TAX, divieto delle vendite allo scoperto etc.) non sarà certo abolendo gli ordini professionali a creare quei 5-6 milioni di posti di lavoro mancanti all’appello, posti che 15-20 anni fa erano collocati nell’industria italiana che, per incapacità delle nuove leve imprenditoriali, per la poca volgia di lavorare duranmente da parte delle giovani leve, per l’eccessivo potere dei sindacati, per l’irrecuperabile leggerezza italiana a combattersi per piattaforme ideologiche e non sulla sostanza delle cose, hanno portato a questa situazione.
15/07/2011 12.19.20

aldo1942
La manovra non basta. Motivo: il paese non cresce
E’una crisi che viene da lontano. E partita da Andreotti, Forlani, De Mita, Pomicino, Craxi, ed arrivare a Prodi e Berlusconi. Tutti personaggi che si sono distinti nel creare una spesa al di sopra delle possibilità della nazione Italia. Hanno consegnato la nazione ad una pubblica amministrazione formata da trombati e nulla facenti; hanno creato le lobbies di pseudo industriali buoni solo ad evadere e speculare; hanno dilapidato le risorse per soddisfare le richieste di nulla facenti e profittatori; Ci hanno promesso serietà, competenza ed interventi strutturali ma hanno continuato ad aggiungere ferro alla campana. Ora ci ritroviamo ad esigere una cambiale e come risposta questo mondo di manigoldi, prostituti e ballerine ci aumentano le tasse e impongono tagli alla spesa produttiva salvaguardando i loro interessi e benefit. Parolai, bancarottieri, giornalisti venduti, culattoni e predicatori porporati, magistrati collusi e giustizialisti, criminali in smocking, imprenditori gigioni e salottieri, ecc., questo è il mondo che abbiamo costruito e permesso di esistere. Credevamo, dopo Mussolini, di aver risolto tutto con le parole libertà e democrazia ma ci stiamo accorgendo che forse era meglio quando credevamo di stare peggio. Un popolo senza ordine, giustizia e principi morali non è degno di esistere e non può pretendere la democrazia, la libertà ed il rispetto del mondo. Se vogliamo risolvere, dobbiamo farci comandare da chi è in grado di farlo e non affidarci a saltinbanchi e giullari. Aldo.
15/07/2011 11.47.52

spndi
La manovra non basta. Motivo: il paese non cresce
Se hai difficoltà a capire l’attuale situazione finanziaria mondiale la storia che segue potrebbe aiutarti: Una volta, in un villaggio in India, un uomo annunciò ai contadini che voleva comprare delle scimmie per 10€. I contadini, vedendo che c’erano molte scimmie in giro, uscirono nella foresta ed iniziarono a catturarle. L’uomo ne comprò migliaia a 10€ ma, quando la disponibilità di scimmie cominciò a diminuire i contadini cessarono i loro sforzi. L’uomo annunciò che ora le avrebbe comprate a 20€. Ciò rinnovò gli sforzi dei contadini che ripresero a catturare scimmie. Presto il rifornimento diminuì progressivamente e gli abitanti del villaggio cominciarono a tornare alle loro fattorie. L’offerta salì a 25€ ma la disponibilità di scimmie divenne così piccola che era una fatica vedere una scimmia, per non parlare di prenderla. L’uomo annunciò che ora voleva comprare le scimmie a 50€ tuttavia, dovendo andare in città per alcuni affari, il suo assistente avrebbe fatto da compratore a suo beneficio. In assenza dell’uomo, l’assistente disse ai contadini: “Guardate tutte queste scimmie in questa grande gabbia dove l’uomo le ha radunate; ora voglio vendervele a 35€ e, quando tornerà dalla città gliele rivenderete a 50€”. I contadini misero insieme tutti i loro risparmi e comprarono le scimmie. Poi non videro più né l’uomo né il suo assistente, solo scimmie dappertutto. Benvenuti a WALL STREET!
15/07/2011 11.31.28

spndi
Tremonti apocalittico: “Siamo sul Titanic”. Intanto, piu’ tasse per tutti: 1200 euro a famiglia
Sull’Espresso di qualche settimana fa c’era un articoletto che spiegava come, di recente, il Parlamento abbia votato all’unanimità e senza astenuti un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa € 1.135,00 al mese. La mozione è stata camuffata in modo da non risultare nei verbali ufficiali. Ecco gli stipendi dei parlamentari italiani ¦STIPENDIO Euro 19.150,00 al mese ¦STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese ¦PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare) ¦RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese ¦INDENNITA’ DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00) ¦TUTTI ESENTASSE Più ¦TELEFONO CELLULARE gratis ¦TESSERA DEL CINEMA gratis ¦TESSERA TEATRO gratis ¦TESSERA AUTOBUS – METROPOLITANA gratis ¦FRANCOBOLLI gratis ¦VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis ¦CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis ¦PISCINE E PALESTRE gratis ¦FS gratis ¦AEREO DI STATO gratis ¦AMBASCIATE gratis ¦CLINICHE gratis ¦ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis ¦ASSICURAZIONE MORTE gratis ¦AUTO BLU CON AUTISTA gratis ¦RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00). Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (per ora!!!) Incassano circa 103.000,00 Euro con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO DALLE MIE PERTI PER NN DIRE DI AVERLO PRESO NEL C**O SI DICE SKUOKKIA E MAGNA!!!!
15/07/2011 9.02.42

levi68
Tremonti apocalittico: “Siamo sul Titanic”. Intanto, piu’ tasse per tutti: 1200 euro a famiglia
Crisi. Tagli a tutte le agevolazioni fiscali. Colpite le famiglie, l’istruzione, gli asili, le pensioni. Lacrime e sangue, e siamo solo all’inizio. Questo avviene mentre paghiamo centinaia di milioni di euro di contributi diretti e indiretti alla stampa ripiena di stuoli di pennivendoli che negavano fino a ieri il possibile default. Questa crisi i cittadini italiani non la devono pagare se prima non sono cancellati tutti i contributi ai giornali. Più stampano, più paghiamo, più ci disinformano. Il “Corriere della Sera”, voce dal sen fuggita di Brunetta, riceve trasferimenti pubblici per 20/25 milioni per per carta, abbonamenti, spese postali e altro, cifre simili a altri quotidiani di larga diffusione. La lettura dei contributi diretti per quotidiani e periodici erogati per il 2009 e pubblicata sul sito del Governo italiano è ai confini della realtà. C’è di tutto, soprattutto l’impensabile. Si rimane esterrefatti, muti, in preda allo sbalordimento. Eppure è vero che “l’Avanti” ha incassato 2.530.640 euro, “Buongiorno Campania” 1.041.078 e “il Sannio Quotidiano” 1.726.598. Che “L’Avvenire” ha intascato 5.871.082 euro e le “Conquiste del Lavoro” (mai nome fu più appropriato) 3.289.851 euro. Anche chi ci spiega l’economia e il libero mercato, come “Italia Oggi”, attinge a 5.263.728 euro. C’è una società, “il Musichiere”, che intasca 277.769 euro per pubblicare “Chitarre” e un’impresa, “Carta”, che stampa “Carta” (su carta ovviamente) per 506.660 euro. Non manca la filosofia con “Modus Vivendi Scienza Natura e Stili di Vita”, a 464.105 euro e l’informazione sportiva con “Motocross” per soli 506.660. C’è anche “Risk” che non corre nessun rischio con 436.335 euro e il diplomatico “Superpartes in the world” a 108.820 euro. Boss(ol)i si porta a casa da Roma Ladrona 3.896.339 euro per “la Padania”, Fini 2.952.474 euro per il “Secolo d’Italia” e Rutelli pane e cicoria 3.527.208 di euro per “Europa”. “L’Unità” pdimenoellina però li surclassa con i suoi 6.377.209 euro. In tempi bui riscalda il cuore Ferrara e il grasso che cola da 3.441.668 euro per “il Foglio”. C’è chi pensa alla libertà di opinione a pagamento, “Opinione delle Libertà” alla cifra di 2.009.957 euro. Chi si professa nostro amico, e come non potrebbe visto che paghiamo noi, “L’Amico del Popolo” con 260.840 euro. Per gli automobilisti l’immancabile “Car Audio & FM” alla modica cifra di 297.400 euro. Chi vive a Milano e dintorni è fortunato, per lui i “Quaderni di Milano” a 312.000 euro e “Rho Settegiorni” a 229.718 euro. Per le gite fuori porta gli imperdibili “Eco del Chisone” a 283.640 euro e la “Gazzetta della Martesana” a 150.466 euro. Se non ci sono i soldi per la famiglie, non si capisce perché dobbiamo mantenere i giornalisti. Blog Grillo
14/07/2011 18.25.33

NURIEL
BORSA: RESTA IN CALO CON EUROPA DOPO APERTURA WS, MIB -0,53%
Certo si e’ voluta spostare l’attenzione al rischio (sto parlando di rischio) di downgrade sull’ America….abbiamo fatto un rimbalzone da 17400 punti fino a quasi 19.000 facendo debito in dollari (speculando sulle loro tensioni) e si e’ fatto finta di niente a: Rating ccc su Irlanda e Grecia, e sulle loro banche principali…si e’ voluto fare finta di niente al fatto che la grecia abbia bisogno urgentemente di altri 70 miliardi di dollari….si e’ voluto fare finta di niente di fronte al risultato dell’asta bot e btp (entrambe sottoscritte in abbondanza da Jean Claude), con tassi molto rialzisti (addirittura piu’ alti che in Spagna sul biennale), insomma abbiamo messo le scarpe davanti agli occhi e non abbiamo camminato attaccato ai muri. La mattanza e’ gia’ iniziata ieri quando il nostro indice guadagnava il 2,70% e poi ha chiuso circa un punto piu’ basso, ora perde l’1% e con ieri fa 2% in negativo… E se in America approvassero l’innalzamento del tetto del debito, e se ci fosse una piccola ripresa economica (richieste di sussidio odierne piu’ basse delle aspettative e se si va sotto le 400.000 unita’ e’ un miglioramemto interessante per l’economia americana – per quanto tarocca) forse il dollaro varra’ un po’ di piu’…ergo o Trichet alza ancora i tassi oppure……
14/07/2011 16.56.09

maryone
Tremonti apocalittico: “Siamo sul Titanic”. Intanto, piu’ tasse per tutti: 1200 euro a famiglia
lungo la nostra travagliata storia spesso con atti di eroismo ma spessissimo con malaffare e vergogne politiche senza aver risparmiato nessuno e nessun colore ne credo, oggi ascoltiamo un tedeum a defunti che era nell aria da tanto per coloro che sull evoluzione dei fatti hanno fatto due conti e due analisi, ora tremonti maestro del opportunismo e senza memoria (cacciato via dal suo padrone pochi anni fa per incompetenza) urla al si salvi chi puo dopo aver tentato defenestrare il suo ex amico aspirando al comando della stessa nave che ha aiutao ad affondare, oggi, disprezzato dentro e fuori le nostre frrontiere, ci si interroga come mai ha potuto durare cosi a lungo avvolto dai misteri dei suoi numeri nascosti e condoni fiscali quali aspirine finanziarie che hanno si ringraziato i suoi amici evasori di alto bordo…che poi il premier sia latitante non sorprende, il suo silenzio é da interpretarsi come il canto del cigno, l’ultimo, e come nei giorni scorsi ho ripetuto che sentivo il rombo delle turbine di un jet scaldarsi, oggi già sospetto stanno preparando il piano di volo…vedrete.
14/07/2011 15.48.37

il bergamasco – 14/07/2011 13.01.29
Italia: e’ allarme rosso, la liquidita’ e’ insufficiente
NAKATOMY, a 43 anni sei vecchio per fare questo mestiere? prova a fare il muratore. 43 anni sono il pieno dell’uomo, sono il sucesso nella vita, la consapevolezza associata alla forza, ascoltami bene nella vita ci vuole piu coraggio ad affrontare che a scappare, alla tua età io guidavo i caccia bombardieri che spettacolo….. ora ho 93 anni mi diverto col trading, ascoltami bene questo non è un mestiere questo è un passa tempo lo sforzo maggiore e scrivere dei numeri, ma l’italia e il pane che mangi si basano su ben altro LAVORO… FATICA…vai a dire a un muratore con 3 figli e la schiena rotta quello che provi che hai scritto, il mio consiglio è: diglielo da molto lontano non so come potrebbe reagire, rifletti figliolo, ovonque andrai ricordati che i soldi non te li regala nessuno ciao buona fortuna.

In risposta a nakatomy: 14/07/2011 11:02
Cara redazione WSI , Ormai sono diversi anni che vi seguo professionalmente diciamo che siamo cresciuti insieme. Vi ringrazio per avermi fatto diventare un Trader professional, ma dopo 19 anni di vita di Trading tra alti & bassi, è arrivato il mio momento di smettere. Ormai a 43 anni sono troppo vecchio per questo lavoro. Il vostro motto era il primo milione è sempre il piu’ difficile ricordate ? Non avrò il milione però posso ritirarmi per sempre con un bel diciamo premio assicurativo. Visto questi crescenti news finane da fine del mondo : metto le piattaforme al muro (mi ritiro per sempre dal trading online .). Con affetto e stima. F.M

jesusjustleftchicago
Alert globale: Stati Uniti a rischio declassamento, puo’ saltare tripla A
a tutti coloro che si preoccupano per uno stravolgimento degli assi economici mondiali o progetti massonici di controllo globale. Sappiate una cosa, questi personaggi che si arrogano il diritto di emergere sul mondo intero, nati uguali tra gli uguali, impadronitisi di risorse appartenenti a tutti(ricordiamoci ogni tanto che la TERRA nonè di nessuno), sono si prepotenti,furbi ed avidi, in genere pero’ queste persone non sono dotate di una grande intelligenza. Non conoscono le leggi che governano il mondo e l’universo, leggi formulate da persone immensamente meno ricche di loro ma immensamente piu’ intelligenti. Noi viviamo in un sistema entropico, dove il disordine, prima o poi prevarra’ sull’ordine, questo implichera’ una sempre minore disponibilita’ di produrre energia e qundi lavoro e quindi ‘potere’. Essi si dimenticani sempre, del resto abbiamo detto sulla loro intelligenza,che non sono gli asset, ne l’oro, ne i dollari che danno potere, ma l’energia. Il picco petrolifero è stato gia’ raggiunto,la quantita’ di acqua che ghawar sta restituendo sta aumentando in maniera tangibile, nel giro di qualche anno, si dice il 2015, assisteremo ad uno shock petrolifero devastante e senza ritorno. Non abbiamo assolutamente i mezzi per sostituire il petrolio, trasporti, farmaceutica, agricoltura ne soffriranno in maniera ORRIBILE. Il National Geografic ha una simulazione inquietante su come la situazione mondiale si sviluppera’, anche se, un semplice geologo della shell, deriso e inascoltato, aveva gia’ previsto tutto negli anni 50, passando per la previsione del picco petrolifero negli USA del 1970, azzeccato con la tolleranza di +/- 1 anno. Quindi,non crucciatevi tanto, le leggi dell’universo sono leggi potenti a cui nessuno si potra’ mai anteporre…..e loro sono stupidi e non lo sanno
14/07/2011 11.57.02

RAPTOR_68
Wanted: Maurizio Paniz
Mi sembra che non sia cambiato molto dall’epoca (intendo fine 1600 e tutto i secoli a venire) in cui si discuteva sulle eguaglianze, le libertà e le pari opportunità per tutti attraverso le varie filosofie politiche. Conquiste ottenute? Non credo proprio! A dimostrazione quest’ ennesimo lavoro subdolo di squadra per la classe dei privilegiati. La democrazia non è per tutti! Essa si basa su fasi discorsive al fine di raggiungere un equilibrio di benessere per tutti e permettere agli individui di affermarsi per propri meriti. Quando si ha a che fare con soggetti conservatori, i quali potevano essere giustificati ai tempi del dispotismo della maggioranza, ma non in questa epoca, tutto questo non è possibile, non si può discutere con un muro, esso lo si può solo che abbattere. Essi non hanno ragione di esistere. Risultano al quanto ridicoli e scellerati. Si parla di globalizzazione, di Europa unita, ecc. ecc. Ma allora tutti questi individui, forse non hanno sbagliato secolo per nascere? Non vedo grandezza e capacità in questi individui, vedo solo alleati e sostenitori della burocrazia che essi stessi hanno contribuito a formare e complicare sempre di più e senza di essa risultano essere semplici uomini. Così non si cresce. Così si perdono occasioni di sviluppo.
14/07/2011 11.04.53