SONDAGGIO: 70% CONTRO LUCCIOLE E LAVAVETRI

4 Settembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 4 set – Mentre il vertice di oggi tra Prodi, Amato, Mastella e Parisi annuncia una stretta per le scarcerazioni facili e la microcriminalità, Repubblica.it pubblica un sondaggio Ipr-Marketing dal quale emerge che il 72 per cento degli italiani è favorevole a sanzioni contro i lavavetri: “Una percentuale netta, che schiaccia il 23 per cento dei contrari ad ogni tipo di provvedimento. Di quel 72%, il quaranta opta per ‘punizioni di tipo economico’ e ben il 32 per cento chiede il carcere. All’interno di queste due percentuali, le differenze tra destra e sinistra non sono clamorose. Il 43 per cento di chi fa riferimento alla sinistra e il 46 allo schieramento di destra chiede punizioni economiche. Ben il 22 per cento di chi “guarda” a sinistra e il 34 % a destra vuole addirittura il carcere”. Del campione di mille cittadini il 67 per cento si dice d’accordo con la proposta di multare le prostitute in strada: “Significativa anche la composizione politica: è favorevole il 48 per cento di chi si dichiara elettore di centrosinistra e l’84 per cento di chi si dice di centrodestra. Il passo logico successivo sembra essere quello di un ritorno alle case chiuse seppur gestite in cooperativa dalle lucciole. La discriminante della domanda infatti è il luogo, cioè “per strada”, e non la prostituzione in sé”. Il 54% è poi favorevole alle multe antigraffiti.