SONDAGGI: BERLUSCONI DICE IL FALSO

25 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Riferendosi ieri alla coalizione di centro-sinistra al governo in un comizio a Napoli, Silvio Berlusconi ha detto: “Credo che imploderanno, le loro contraddizioni sono così forti”. “Anche i loro esperti di sondaggi – ha sottolineato il leader di Forza Italia – la settimana scorsa sono stati costretti a riconoscere la realtà che si respira nel Paese: la Casa delle Libertà è in testa, ha effettuato il sorpasso ed è sopra di sei punti alla rissosa coalizione di sinistra”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Questa affermazione contraddice i dati delle ultime rilevazioni statistiche. Secondo un sondaggio di Ipr Marketing, realizzato con il sistema Cati tra il 17/09/2006 e il 19/09/2006 interpellando un campione di 1.000 elettori, disaggregati per sesso, età ed area di residenza in maniera tale da essere rappresentativi di tutta la popolazione adulta residente (la versione integrale è sul sito www.sondaggipoliticoelettorali.it) l’Unione e’ al 50,5% e la Cdl al 48,5%. I dati segnalano un vistoso incremento dell’Udc, fino al 9%, ai danni prevalentemente di Forza Italia (scesa al 20,5%) e in parte di An. Stabile la Lega al 4,5 contro il 4,6 preso alle elezioni. Nell’Unione cala la forza del virtuale “partito democratico”: Ds e Margherita insieme sono dati al 30%. Crescono Prc e Di Pietro.