Singapore: Primi successi in Asia per Esker

18 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A un anno di distanza dalla creazione di Esker Asia Pacific1, Esker, leader mondiale di soluzioni di dematerializzazione dei documenti, annuncia la conclusione di sei nuovi contratti in Asia. Vediamoli nei dettagli. Il primo è con Singapore Power, uno dei protagonisti chiave a Singapore nel settore dell’energia, che ha registrato nel 2006 un fatturato di 4,8 miliardi di dollari. Il secondo è con Asian Pacific Brewery, il più grande birrificio in Asia, con oltre 29 sedi, dislocate in diversi Paesi quali la Cina, Singapore, il Vietnam, la Cambogia e la Papua Nuova Guinea. Il terzo è con Epson Singapore, produttore di stampanti, computer, orologi, scanner, proiettori multimediali e fotocamere digitali. Il quarto è con Sharp, leader mondiale nella tecnologia a cristalli liquidi (Lcd), con più di 50mila dipendenti e un fatturato di 16,833 miliardi di dollari. Le soluzioni di dematerializzazione dei documenti vengono installate presso le proprie filiali nelle Filippine e in Indonesia. Il quinto è con Arkema, uno fra i maggiori protagonisti a livello mondiale nel settore chimico, con un fatturato di 5,7 miliardi di euro. Infine, il sesto contratto è con Hsbc Singapore, una delle banche leader in Asia. Queste sei aziende hanno scelto le soluzioni Esker per automatizzare i propri processi di gestione e distribuzione documentale (ordini d’acquisto, fatturazione, etc.). “Esker offre soluzioni ideali per soddisfare le crescenti esigenze delle aziende in Asia. Le soluzioni di Esker, oltre a garantire un maggior ritorno sugli investimenti dei propri clienti, permettono di automatizzare la gestione documentale, migliorando e accelerando così l’efficienza e l’accuratezza dei processi di business. I progressi realizzati in questo settore consentiranno alle aziende asiatiche di diventare più competitive non solo nella politica dei prezzi, ma anche dal punto di vista della qualità offerta e delle soddisfazione dei propri clienti”, dichiara Jean-Michel Berard, amministratore delegato di Esker. “Grazie ai nuovi contratti firmati con queste importanti aziende in Asia, Esker rafforza il proprio posizionamento nel mercato asiatico. I nostri obiettivi per il 2007 consistono nel potenziare la diffusione in queste regioni attraverso un investimento marketing più consistente. Nel lungo periodo prevediamo di aprire nuovi uffici a Shanghai, Hong Kong, in Indonesia e Malaysia, sfruttando la presenza del Gruppo Lippo in questi Paesi”, conclude Berard. Con oltre 80mila clienti, 2 milioni di utenti nel mondo e l’85 per cento del proprio fatturato realizzato fuori dalla Francia, di cui il 60 per cento negli Usa, Esker è l’editore di software europeo più presente a livello internazionale.