Simon-Kucher & Partners: Top management delle aziende MIB: poco internazionale e molto maschile

20 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

In Europa c’è una forte discriminazione ai piani alti delle aziende, sia per quanto riguarda la presenza di quote rosa, che la diversa nazionalità del top management aziendale. Qual è la situazione in Italia? Uno studio condotto in Italia dalla società di consulenza Simon-Kucher & Partners, svolto sulle 40 imprese quotate sul FTSE MIB, rivela che, nel 2011, vi sono state solo 23 donne su un totale di 517 tra i membri dei CdA, ossia solo il 4,5%. Una donna fa parte del comitato direttivo in meno della metà delle aziende. Gli stranieri invece rappresentano il 12%. In Germania la presenza femminile è pari a 3,7%, gli stranieri rappresentano invece il 28% (DAX 30). In Spagna, la quota femminile è dell’11%, quella degli stranieri è del 15% (IBEX 35). Secondo lo studio Women On Boards 2011, invece, nelle aziende quotate in borsa in Inghilterra lavorano il 14,2% di donne (FTSE 100). “I 64 stranieri nel top management provengono da 20 delle 40 aziende quotate”, sintetizza Danilo Zatta, Senior Director in Simon-Kucher & Partners. “Per prepararsi al meglio alla globalizzazione in forte crescita ed essere pronti a cogliere opportunità di mercato nei paesi emergenti, i grandi gruppi italiani devono aprirsi maggiormente ed accogliere gli stranieri nel loro management team.” In effetti, la metà di queste aziende è popolata da top executives interamente italiani, si vedano, ad esempio, il caso di Autogrill, Banca Popolare, Fondiaria, Impregilo o Pirelli. In altri casi, gli stranieri presidiano diverse posizioni come in Fiat, Prysmian o Unicredit. 18 nazionalità, ma prevalgono Francia, Germania e USA Il 51% dei top manager stranieri proviene da tre paesi: dalla Francia (14), dalla Germania (12) e dagli USA (7). La maggior parte dei manager (45), provengono da nazioni europee, mentre coloro che provengono dal resto del mondo sono 19. http://www2.simon-kucher.com/files/Provenienza%20FTSE%20MIB_Simon-Kucher%20&%20Partners_201011.pdf “La sfida è questa: il top management in Italia è maschile e poco internazionale. D’altra parte, però, c’è il mercato, che registra per i fatturati delle aziende italiane un forte incremento al di fuori dell’Europa, con una crescente capacità d’acquisto femminile. In definitiva, per poter affrontare con successo le sfide competitive globali, le aziende devono disporre di un team manageriale variegato.” http://www2.simon-kucher.com/files/Simon-Kucher%20&%20Partners_Diversity%20Ranking%20Italia_201011.pdf

Simon-Kucher & Partners Strategy & Marketing ConsultantsClaudia Schulz+492289843372Claudia.Schulz@simon-kucher.com