Siemens: ritira oltre 500 milioni di euro da una banca francese

20 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Due settimane fa il gruppo tedesco Siemens AG ha depositato oltre 500 milioni di euro presso la Bce, mettendo la sua liquidita’ al riparo dopo aver ritirato i fondi da un conto di una banca francese. Lo si evince da un articolo del Financial Times, che cita una fonte che ha preferito rimanere anonima

Reuters, citando una fonte con sede a Parigi, offre una versione leggermente differente dei fatti. Il gruppo di ingegneria ed elettronica di Monaco avrebbe prelevato una somma da Societe Generale a inizio luglio, prima della pubblicazione dei risultati degli stress test bancari. La fonte ha precisato che la decisione non e’ stata presa per via delle difficolta’ incontrate dalla banca, bensi’ per la delusione circa l’andamento dell’investimento.

Siemens ha smentito, anche se solo in parte, le indiscrezioni del Financial Times, secondo cui la somma supererebbe i 500 milioni di euro, riferendo che si e’ trattato di spostamento capitale e non di prelievo di capitali.

Nell’articolo del quotidiano britannico si sottolinea che la decisione e’ stata presa per le preoccupazioni circa la salute finanziaria del gruppo francese, che non viene identificato.

Le indiscrezioni hanno spinto al ribasso i titoli dei tre principali istituti di credito francesi che da qualche settimana attraversano un brutto periodo in borsa. In particolare dopo che il 10 settembre sono iniziate a circolare indiscrezioni, poi materializzatesi, circa un downgrade del credito di due dei tre principali istituti di Francia da parte dell’agenzia Moody’s.

Societe Generale e Credit Agricole hanno visto il loro rating a lungo termine sul credito ridotto di una tacca, per via delle crescenti preoccupazioni circa i livelli di rischio dei loro investimenti in Grecia. Moody’s ha messo sotto osservazione per un possibile downgrade il giudizio sulla qualita’ del credito di BNP Paribas.

Secondo le fonti citate dal FT, Siemens ha 4-6 miliardi di euro di depositi a una settimana presso la Bce.