Si risolleva l’umore delle borse europee

26 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Rimbalzo perfettamente riuscito per i mercati del vecchio continente, vittime di recente di forti vendite sulle speculazioni per le vicende relative al debito dei paesi membri della zona euro. Le piazze europee sono tornate a sorridere grazie anche alla spinta di Wall Street nel pomeriggio, incoraggiata a sua volta da alcune statistiche macroeconomiche migliori delle attese, come gli ordini di beni durevoli e le vendite di case nuove. L’euforia non sembra aver coinvolto l’euro, rimasto in disparte a 1,222 dollari. Bruxelles ha chiuso le contrattazioni con un rialzo del 2,66% a 2391,73 punti, Zurigo con un incremento dell’1,72% a 6196,58 punti, Parigi con un vantaggio del 2,38% a 3410,48 punti ed Amsterdam con un progresso del 2,38% a 312,29 punti. Bene anche Francoforte +1,56% a 5758,23 punti, Londra +2% a 5039,54 punti e Madrid +0,59% a quota 9057,3. A livello settoriale splendono tutti i comparti, ma più di tutti le materie prime, i media e le auto. Bene anche gli industriali, il cemento e gli oil. Toniche le banche, dopo i giorni di passione seguiti al crollo del banco CajaSur che ha messo in allerta sulla reale solidità del sistema bancario europeo.