Si indebitano per andare in ferie. Succede in Grecia? No, in Italia

23 Luglio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WS) – Sotto il peso della crisi, gli italiani fanno sempre più ricorso ai prestiti pur di non rinunciare alle vacanza. Secondo quanto emerge dai numeri elaborati da Facile.it e Prestiti.it, all’interno del loro periodico Osservatorio sul credito al consumo, nel primo semestre del 2015 i finanziamenti erogati per pagare viaggi e vacanze sono stati pari a circa 26 milioni di euro.

Una cifra considerevole anche se, l’incidenza di questo tipo di prestiti, rispetto al totale di quelli richiesti nel nostro Paese, si è leggermente contratta attestandosi allo 0,82% e tornando ai livelli registrati nel 2013 (0,83%).

In forte flessione rispetto allo scorso anno, invece, la cifra media richiesta che nei primi sei mesi del 2015 è scesa del 20% attestandosi a 4.200 euro in calo rispetto ai 5.300 euro dello stesso periodo dell’anno scorso.

Guardando i numeri si scopre infine come a crescere siano stati, invece, i tempi di restituzione previsti. Nel 2014 chi chiedeva un finanziamento per pagare un viaggio aveva in mente di restituire l’importo in 42 rate, nel 2015 si è passati a 47, vale a dire che la vacanza verrà pagata in circa 4 anni. (mt)