Sempre peggio: in competitività l’Italia è dietro a Barbados e Portorico

9 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Italia ferma al palo sulla competitività globale, secondo l’ultima edizione del rapporto annuale stilata dal World Economic Forum: la penisola si è infatti nuovamente piazzata 48esima su 139 paesi, ultima tra tutte le economie avanzate e ben lontana dai suoi principali partner europei.

Come nelle altre edizioni dello studio l’Italia si vede inoltre sopravanzare da stati con cui solitamente non viene messa nemmeno a confronto, ad esempio le isole Barbados, 43esime, o Porto Rico 41esimo.

Prima invece si conferma la Svizzera, paese che ospita lo stesso Wef, seguita da Svezia e Singapore. Questi ultimi due paesi hanno sorpassato gli Stati Uniti, prima economia globale che invece sulla competitività si ritrovano al quarto posto.

Alle spalle degli Usa la Germania, prima economia dell’area euro che così si trova ben in avanti sulla competitività rispetto all’Italia. La Gran Bretagna si piazza 12esima mentre la Francia 15esima. Il Wef stila questa graduatoria assegnando votazioni su una molteplicità di voci a ogni paese. “I policy maker di tutto il mondo stanno cercando strade per rafforzare le performance delle loro economie, per preparale a un futuro di intcertezze”, rileva il presidente e fondatore del Wef, Klaus Schwab in un comunicato. “In questo contesto è più importante che mai avviare i fondamentali che sostengono la crescita economica e lo sviluppo”.