Secondo uno studio di Oliver Wyman, i trader delle materie prime stiano lasciando sul tavolo i

17 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Nel mezzo di una eccitazione sempre maggiore per la negoziazione di beni e le offerte pubbliche da parte dei giganti operanti in questo settore, Oliver Wyman ha evidenziato tre punti di vista che delineano come i trader delle materie prime possano massimizzare il valore delle loro attività attraverso: Una migliore stima dei rischi di implementazione collegati alla preparazione di nuove imprese per la negoziazione di beni Lo sviluppo di risorse per la gestione dei rischi e delle risorse al fine di conquistare maggiori utili volendo correre maggiori rischi nelle attività di espansione La fusione di eventi fortemente inverosimili all’interno di routine regolari per la gestione dei rischi “Mentre molte società stanno aumentando le loro capacità di negoziazione di beni, la gran parte delle organizzazioni di trading stanno perdendo grossi profitti in quanto non sviluppano le capacità di cui hanno bisogno per gestire i loro profili di portafoglio”, ha detto Roland Rechtsteiner, socio dirigente della sezione Global Risk & Trading di Oliver Wyman. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Contatto per i media:Oliver WymanElisabeth Egan, +1 [email protected]