Secondo una nuova ricerca i macchinari Adaptive Motion Trainer possono creare uno stress notevo

12 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

Una nuova ricerca condotta dalla Università del Wisconsin – Dipartimento di terapia fisica La Crosse, mette in discussione la saggezza convenzionale secondo la quale le macchine cardio senza impatto, come i macchinari adaptive motion trainer (AMT), creino uno stress minimo per le articolazioni. Lo studio mostra come alcune macchine cross trainer, in particolare quelle che si muovono secondo traiettorie ellittiche, potrebbero creare molto stress sulle ginocchia. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Per Cybex International Inc.Contatto per i media:David Fouse, [email protected]