Se esperimento riesce potremo cambiare eventi del passato

20 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La maggior parte di noi non avrà mai sentito parlare del famoso esperimento della doppia fenditura. Ma si tratta di un esperimento chiave per la fisica moderna.

Svolto solitamente in un laboratorio attrezzato, in pochi secondi permette di dimostrare la dualità onda-particella della materia e rappresenta la chiave per la comprensione della meccanica quantistica, oltre a essere il fondamento della formulazione dell’integrale da lui introdotta.

Ora c’è una sua nuova versione, che era stata già pensata dal fisico John Archibald Wheeler, che verrà riproposta su gran parte della galassia, nel corso di milioni di anni. E che ci potrebbe consentire di cambiare gli eventi del passato.

Il suo esperimento, riportato da iO9, suggerisce che potremmo retroattivamente determinare il destino di fotoni antichi.

Uno scienziato eccentrico aveva già provato a domandarsi cosa accadrebbe qualora non interferissimo con i fotoni sulla loro strada attraverso le fenditure.

È stato il ragionamento di John Archibald Wheeler, fisico vissuto nella metà del XX secolo, che pensò ad una variante sull’esperimento della doppia fenditura.

Cosa accadrebbe qualora lungo la parete di fondo ci fossero stati uno schermo e dietro lo schermo dei rivelatori, si è chiesto. Un rilevatore è concentrato sulla fessura sinistra e uno a destra. Lo schermo potrebbe rimanere sul posto quando il fotone fosse rilasciato dalla sorgente luminosa. Solo quando il fotone passa attraverso le fessure lo schermo sarebbe allora sollevato o non capovolto in su.

Per dimostrare che l’esperimento della scelta ritardata non era il risultato di attrezzature di laboratorio difettose, Wheeler fece immaginate una stella lontana che emette luce. La luce si piega in due modi diversi. Un singolo fotone, passando dalla stella, può assumere uno dei due percorsi, alla sinistra della galassia o dritto nella galassia. Improvvisamente abbiamo un esperimento di doppia fenditura nello spazio con i fotoni che si dirigono verso la Terra e possiamo osservare da dove vengono esattamente.

Possiamo quindi stabilire eventi accaduti milioni di anni fa? La maggior parte dei fisici pensano che la risposta sia un sonoro “no”. No, l’esperimento, se condotto in un laboratorio o attraverso le galassie, non supporta l’idea di un viaggio nel tempo.

Invece di pensare alla retrocausalità, i detrattori sostengono che dovremmo pensare a una sovrapposizione di stati. Il fotone è messo in entrambi gli stati, quando si passa attraverso le fessure o intorno alle galassie e rimane in entrambi gli stati fino a quando non viene misurato.