Scuola: le novità dell’anno scolastico 2010-2011

2 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Oggi il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini ha presentato le novità per l’anno scolastico 2010-2011. Entra in vigore la riforma dell’Istruzione superiore, un provvedimento epocale che riduce la frammentazione degli indirizzi nei licei e rilancia l’istruzione tecnica e professionale. Inoltre, per la prima volta dal 1923 le nuove Indicazioni nazionali riformano organicamente i contenuti dell’istruzione liceale. Il settore tecnico-scientifico è stato al centro delle principali innovazioni introdotte con la Riforma che, come dimostrano i dati sulle iscrizioni, hanno riscontrato il favore degli studenti e delle famiglie. Rispetto all’anno precedente l’aumento delle iscrizioni in questo settore è del 1,7%. Per quanto riguarda la scuola primaria aumentano le classi a tempo pieno. Nel prossimo anno scolastico passeranno da 36.493 a 37.275. E’ confermata la linea del rigore: non si potranno superare i 50 giorni di assenza, pena la bocciatura. Entro il 2010 sarà bandito un nuovo concorso per diventare presidi. E’ molto atteso e prevede 3mila nuovi posti. Con il nuovo anno inoltre sono stati assunti 10mila nuovi docenti e 5mila unità di personale ata. Nascono gli Its, una nuova filiera non universitaria creata per formare le figure professionali più richieste dal mondo del lavoro.