SCUDO FISCALE: GLI EVASORI RIPORTANO IN ITALIA 85 MLD

17 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

L’ammontare di attivita’ rimpatriate in Italia a seguito dello scudo fiscale e’ pari a 85,1 miliardi di euro. Lo rileva la Banca d’Italia. Dalla sola Svizzera sono rientrati quasi 60 miliardi, seguita a lunga distanza da Lussemburgo (7,3 miliardi) e Principato di Monaco (4,1 miliardi).

L’importo indicato dal ministero dell’Economia il 29 dicembre scorso e’ pari a 95 miliardi ma la differenza tra i due valori, spiega Bankitalia, e’ motivata da vari fattori. In primo luogo, dalle diverse fonti usate (dati sul gettito dell’imposta, rispetto a segnalazioni ai fini della bilancia dei pagamenti).

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

In seconda battuta dal fatto che la rilevazione della Banca d’Italia esclude alcuni beni patrimoniali (ad esempio preziosi od opere d’arte) e le operazioni di importo inferiore alla soglia di rilevazione (50.000 euro se il Paese di provenienza e’ nell’Ue, oppure Svizzera, Liechtenstein, Norvegia o Islanda, 12.500 euro negli altri casi); infine dal fatto che l’effettivo rimpatrio o regolarizzazione delle attivita’ ‘scudate’ puo’ essere stato differito (l’effettivo rimpatrio o regolarizzazione puo’ essere posticipato fino al 31 dicembre 2010) e, quindi, non ancora segnalato ai fini statistici.