Scienziati pronti a svelare esistenza vita aliena

20 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Un team di scienziati inglesi è convinto di avere tra le mani le prove dell’esistenza di vita aliena, dopo che sono riusciti a raccogliere, fuori dall’atmosfera terrestre, alcune strane particelle.

L’Independent racconta che per fare ciò hanno spedito un pallone per 27 km dentro la stratosfera e quando questo è tornato indietro ha portato con se dei piccoli organismi biologici.

Il professor Milton Wainwright si dice convinto, al 95%, che si tratti di organismi non provenienti dalla Terra: “A quella altezza non esistono possibilità che si possa formare qualunque forma di vita. Andrebbe contro le leggi della fisica”

Anche il professor Wainwright, che lavora presso la University of Sheffield in Inghilterra, ha supportato questa tesi: “Gli organismi sono inusuali. Se provenissero dalla Terra ci dovremmo aspettare di avere davanti qualcosa come del polline, tipico del nostro pianeta. Noi pensiamo che provengano dallo spazio, ne siamo convinti”

Ma da dove precisamente? Il team pensa che di tratti di entità provenienti da comete che una volta entrate in contatto con l’atmosfera terrestre si sciolgono, o esplodono, rilasciando alcuni organismi.

“Sono molto puliti, continua Wainwright, cosa che fa pensare ancora di più che non provengono dalla Terra. Sembrerebbe arrivino da un ambiente acquatico, tipico di una cometa”

Gli organismi molto probabilmente non sono in vita, ma ad eccitare gli scienziati è il fatto che potrebbero contenere del DNA. Se confermato, ci sarebbero dei risvolti clamorosi, perché si potrebbe dimostrare che la vita sulla Terra abbia origini extraterrestri.

Il Professor Wainwright ha infatti concluso: “Se avessimo ragione vorrebbe dire che la vita sulla Terra proviene dallo spazio. Statisticamente non vi è motivo per cui non dovremmo credere a questa teoria, nessuno ha mai provato il contrario. Ci sono miliardi di comete che passano ogni anno e che possono verificare quanto detto”

Quello che sembra sicuro invece è che su Marte non ci sia vita. Il rover della NASA, Curiosity non ha infatti rilevato finora tracce di metano nell’aria sul Pianeta Rosso, alimentando i dubbi sull’effettiva possibilità di esistenza di vita microbica.

Christopher Webster, della NASA, ha dichiarato: “Oggi non c’è metano o ce n’è pochissimo; quindi, l’attività di microbi produttori di metano è minima o inesistente”