Schulz: la City ha le ore contate

13 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Strasburgo – La City londinese ha le ore contate. A lanciare l’avvertimento e’ l’eurodeputato tedesco Martin Schultz, intervenuto quest’oggi a Strasburgo, dove e’ in corsa una plenaria sull’accordo raggiunto lo scorso weekend sulla modifica dei trattati Ue.

Ieri Schulz, che diventera’ presidente del Parlamento Europeo l’anno prossimo ha detto: “Dubito che nel lungo termine la Gran Bretagna restera’ nell’Unione Europea. L’Ue puo’, se necessario, farcela senza Londra, ma per la Gran Bretagna sara’ piu’ difficile senza l’Ue”.

Secondo Olli Rehn, commissario agli affari economici, “Se la mossa della Gran Bretagna voleva evitare che la City e i suoi servizi finanziari non venissero regolati, questo non succederà, perché abbiamo imparato la lezione dalla crisi e la applicheremo anche al settore finanziario”: lo ha detto il commissario agli affari economici Olli Rehn.

Inoltre, ha spiegato Rehn, la Gran Bretagna con il suo ‘no’ non è riuscita nemmeno ad evitare la maggiore sorveglianza sui bilanci, perché Londra è già dentro il six pack, ovvero quella serie di regole che entra in vigore da domani e che rafforzarà la sorveglianza sui conti con sanzioni automatiche per chi sfora i vincoli.

“Il governo britannico ha sostenuto e votato il six pack che già contiene regole per una sorveglianza rafforzata, e quindi anche deficit e debito della Gran Bretagna subiranno gli stessi monitoraggi di tutti gli altri, anche se le alcune regole del six pack si applicano solo ai Paesi dell’Eurozona”, ha detto Rehn. “Vogliamo che la Gran Bretagna sia al centro dell’Europa, non al lato”, ha poi concluso Rehn.

“Dispiace profondamente la decisione della Gran Bretagna di non aderire alla nuova unione di bilancio, non solo per il bene dell’Europa ma anche per quello dei britannici e del loro avvenire”, ha aggiunto Rehn.