Scelta Civica rompe il patto con l’Udc, punta a ingresso nel Ppe

23 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – D’ora in poi il partito, che dopo l’addio di Monti si è scollato di dosso l’etichetta di formazione di professori e tecnici, tenderà più al centro destra rispetto all’UDC. L’obiettivo nemmeno troppo nascosto di Scelta Civica è quello di entrare nel Partito Popolare Europeo.

Alberto Bombassei, a seguito delle dimissioni da presidente del partito del Senatore Mario Monti, ha assunto le funzioni di presidente.

Nel documento, approvato dalla direzione del partito nella riunione di ieri sera (con 9 voti a favore, 1 astenuto, 1 assente e 2 che non hanno partecipato al voto) si auspica pur “comprendendo le ragioni della scelta del senatore Monti che egli possa riconsiderare la sua decisione” e si “raccoglie il suo appello affinché Scelta Civica ritrovi unità di intenti intorno ad una linea politica chiara e coerente con le ragioni della nascita del partito”.

Il direttivo di Scelta civica “prende atto che sono purtroppo venuti meno i presupposti che avevano dato vita al patto di alleanza con l’Udc, in quanto suoi alti esponenti hanno manifestato da tempo e su tutti i principali media, l’intenzione di costruire un progetto politico diverso da quello di Scelta Civica.

Il Comitato Direttivo affida al Presidente Bombassei, coadiuvato da chi riterrà, il compito di incontrare i vertici dell`Udc per definire gli aspetti politici e giuridici della separazione consensuale dei gruppi parlamentari di Camera e Senato.

“Il Comitato Direttivo auspica che questa separazione con l’Udc possa avvenire senza conflitti”.
(TMNews)