SARTORI CONTRO IL SINDACO D’ITALIA

27 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 27 giu – “Leggo che Veltroni intende proporsi come ‘sindaco d’Italia’ (è lo slogan di Mario Segni), ma leggo altrove che è per il sistema semipresidenziale francese. Sono due formule diversissime. La prima è caratterizzata dalla elezione popolare diretta del capo del governo, la seconda dalla elezione diretta del capo dello Stato. Non posso credere che Veltroni le confonda”. E’ quanto scrive oggi sul Corriere della Sera il politologo Giovanni Sartori. “Però un sospettuccio, e nemmeno tanto piccolo, lo covo – aggiunge Sartori -. L’elezione diretta del premier fu inventata in Israele con l’intento di contrastare la frammentazione partitica dovuta a un proporzionalismo che è il più proporzionale al mondo. Israele si è gia rimangiato dopo tre elezioni questo esperimento, che è risultato disastroso. Ma in Italia l’idea piace. Piacque a D’Alema (per sé) ai tempi della Bicamerale, sotto sotto piace (per sé) a Prodi, e piace anche da tempo (per sé) a Veltroni. Che l’esperimento sia fallito nell’unico Paese che l’ha tentato risulta del tutto indifferente ai nostri aspiranti premier. E ai suddetti non importa un fico che per una lunghissima maggioranza di costituzionalisti la formula del ‘sindaco d’Italia’ sia ingannevole e impraticabile”.