Saras chiude trimestre in rosso, AD fiducioso

14 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Gruppo Saras ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con una Perdita Adjusted per 29,9 milioni di Euro, confrontabile con un Utile Netto Adjusted di 25,3 milioni di Euro del primo trimestre 2009. I Ricavi sono stati 1.882 milioni di Euro, in crescita del 53% rispetto al primo trimestre 2009. L’EBITDA comparable si è attestato a 13,8 milioni di Euro, in contrazione dell’85% rispetto ai 91,1 milioni di Euro dello stesso trimestre dell’anno precedente. L’EBITDA reported è stato pari a 50,7 milioni di Euro, in contrazione del 65% rispetto al 1° trimestre 2009. Gli Investimenti si sono attestati a 23,1 milioni di Euro, in linea con il piano di investimenti precedentemente annunciato per il 2010. La Posizione Finanziaria Netta al 31 marzo 2010 è stata negativa per 643 milioni di Euro, rispetto alla posizione negativa per 533 milioni di Euro di fine dicembre 2009, a causa degli investimenti del periodo (23,1 milioni di Euro), e ad un incremento del capitale circolante. L’AD del gruppo Massimo Moratti ha dichiarato: “Dopo un primo bimestre ancora in contrazione, a marzo i consumi petroliferi hanno iniziato a fornire i primi segnali di ripresa, in particolare per quanto concerne la benzina. In corrispondenza, anche i margini di raffinazione sono rimbalzati rispetto ai minimi di fine 2009. Le previsioni indicano ulteriori graduali miglioramenti, assieme alla crescita delle attività industriali ed economiche. Nonostante il primo trimestre 2010 per Saras sia stato ancora difficile, il contesto di mercato che si sta delineando, insieme alle azioni di razionalizzazione che la Società sta attuando, permettono di guardare con fiducia al futuro”.