Salute: i sedentari corrono gli stessi rischi dei fumatori

19 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Condurre una vita sedentaria comporta gli stessi rischi di avere una malattia terminale che corre un fumatore medio.

Lo sostiene un report, pubblicato in concomitanza con le Olimpiadi di Londra, il quale stima che circa un terzo degli adulti non fa abbastanza attivita’ fisica, provocando 5,3 milioni di morti l’anno. Un tasso mortale simile a quello causato dal fumo.

Equivale a circa uno su 10 decessi provocati da malattie come arresti cardiaci, diabete o cancro al seno e al colon. Il problema, avvisano i ricercatori, e’ ormai cosi’ grave che dovrebbe essere trattato come una pandemia.

Nello studio pubblicato su The Lancet, il gruppo di scienziati suggerisce di affrontarlo tramite un nuovo modo di pensare, a cominciare dal mettere in guardia circa i pericoli dell’inattivita’ fisica, piuttosto che limitarsi a ricordare i vantaggi di essere attivo.

Il team composto da 33 ricercatori di trarre dai centri in tutto il mondo aggiunge che i governi devono trovare un modo per rendere l’attivita’ fisica piu’ conveniente, sicura e alla portata di tutti. Altrimenti dovrebbero sentirsi complici dei decessi.
[ARTICLEIMAGE]
La raccomandazione e’ che un adulto medio dedichi 150 minuti del suo tempo per settimana a esercizi fisici moderati, come camminare, andare in bicicletta o darsi al giardinaggio.