SAI-FONDIARIA: FONDO LIVERPOOL SUL PIEDE DI GUERRA

31 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il Fondo Liverpool ha deciso di mettersi nuovamente di traverso sulla fusione Sai-Fondiaria .

Secondo il Fondo inglese, che già aveva chiesto alle autorità che Sai e Mediobanca fossero obbligate a lanciare un’Offerta pubblica d’acquisto (Opa) su Fondiaria, i valori di concambio sono “ingiusti” e in particolare “ritiene che i termini proposti per la fusione annunciata ieri non riflettano minimamente il corretto valore tra le due società” nei confronti degli azionisti di minoranza di Fondiaria.

Il Fondo Liverpool “intende opporsi vigorosamente alla fusione” perché “la proposta implica un prezzo per azione di €4,19 per azione basato sulla valutazione di mercato corrente (senza tener conto di alcuna emissione di warrant) a fronte dei 9,5 euro pagati da Sai per il suo 29,9% in Fondiaria. Le conseguenze economiche negative dell’ingente premio che Sai ha pagato per la propria quota saranno sopportate dalla nuova società nata dalla fusione, senza che gli azionisti di minoranza di Fondiaria ricevano adeguata compensazione” hanno precisato gli inglesi.

A Piazza Affari, Sai perde pesantemente cosi’ come Fondiaria, Mediobanca.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.