Società

S&P500: AZIONISTI, OCCHIO TORNANO LE CEDOLE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

In questa fase di mercato, almeno a un aspetto si puo’ brindare: a cedole piu’ ricche per gli azionisti. Su base mensile, guardando al numero delle operazioni in meglio (rialzo o avvio distribuzione di dividendi) e in peggio (taglio o sospensione) prese dalle societa’ su questo fronte, ci si riporta a livelli che non si vedevano dal luglio 2008.

Su base annuale, si torna a quanto osservato nel 2007. Soltanto nella penultima seduta di questa ottava, cinque societa’ dell’S&P 500 hanno ritoccato all’insu’ le loro cedole.

I numeri sono piu’ significativi se si guarda al valore in dollari di simili mosse. Nel 2007, i cambiamenti che hanno reso piu’ ricche le tasche degli investitori hanno toccato una cifra complessiva di $31 miliardi, ben di piu’ dei $6 miliardi totalizzati da sforbiciate sulle cedole o stop alla loro distribuzione. Dal 2008 si e’ verificata un inversione del trend, con un rapporto passato a $19 miliardi contro $41. Anche l’anno scorso gli annunci che hanno reso contenti gli azionisti sono stati inferiori di quelli a loro scapito: $11 miliardi contro $48 miliardi di cui ben $42 miliardi totalizzati nei soli primi tre mesi del 2009.

Cosa si evince da queste prime 5 settimane del 2010? La svolta sembra esser in atto. Secondo l’analista di S&P Howard Silverblatt, dopo gennaio, e’ febbraio il mese da considerare come il piu’ movimentato dell’anno per quanto riguarda annunci positivi sui dividendi. Il motivo e’ legato ai calendari delle societa’, che si preparano alle annuali assemblee con gli azionisti e alla stesura di rapporti richiesti dalla Sec (l’equivalente della Consob per la borsa italiana) sul loro stato di salute.

L’analista di S&P si aspetta dividendi ancor piu’ ricchi per fine anno. Le aziende, sostiene, saranno piu’ fiduciose sullo stato dell’economia in generale. Non manca un avvertimento: bisognera’ aspettare fino al 2013 per vedere il livelli di due anni fa in termini di payout.

Di seguito, ecco alcune delle aziende che da gennaio hanno migliorato le loro cedole: Airgas (ARG), Family Dollar Stores (FDO), L-3 Communications Hldgs (LLL), Linear Technology Corp (LLTC), McGraw-Hill Companies (MHP), News Corp ‘A’ (NWS.A), Pall Corp (PLL), Tiffany & Co (TIF), Time Warner (TWX), Washington Post’B’ (WPO).