Russia: Gazprom Media mira a Ru.tube

10 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il gigante energetico Gazprom vuole allungare i tentacoli su Internet: secondo il quotidiano Komemrsant, sarebbe in trattative per l’acquisto di Ru.tube, l’equivalente russo dell’You.tube americano. Se l’affare è risultato convincente per le compagnie americane, hanno pensato i responsabili di Gazprom Media (la sezione del colosso che si occupa di editoria ed emittenti), ci deve essere qualcosa di buono: ed essendo in ritardo sulla corsa ai prodotti telematici, il gigante russo preferisce acquistare un pacchetto già pronto. Anche se il prezzo chiesto dagli attuali proprietari, sostiene Kommersant, è esagerato: si parla di 5 milioni di dollari, una cifra che gli esperti ritengono più che gonfiata. Ru.tube è analoga al modello americano: chiunque può scaricarvi i propri filmati e i visitatori sono circa 150mila al giorno. Un affare per i pubblicitari, che possono contare su un pubblico consistente e in continua crescita. Si calcola che oltre il 10 per cento dei russi già navighi su Internet. Gazprom, sempre stando a Kommersant, intende proiettarsi sulla rete in modo massiccio e Ru.tube sarebbe solo il primo passo. L’operazione, stando agli esperti, ha un puro carattere commerciale e non sarebbe viziata da secondi fini politici, anche per la difficoltà di censurare o pilotare l’anarchico mondo di Internet. Ma alcuni esperti sono preoccupati dalla molteplicità degli interessi del colosso russo, data la sua identificazione con il potere politico. Gazprom Media controlla già una serie di quotidiani a larga diffusione, alcune delle emittenti commerciali più seguite come Ntv e Tnt, radio storiche come Eco di Mosca e una delle maggiori catene di cinema del Paese. Intanto si apprende che Oao Hydro Ogk, il maggiore produttore di energia idroelettrica in Russia, ha in programma un collocamento di azioni a Londra e Mosca nella seconda metà del prossimo anno per diventare il maggiore gruppo mondiale specializzato nelle energie rinnovabili quotato in Borsa. Hydro, in grado di generare più energia della California, prevede di raddoppiare la capacità installata entro la fine del prossimo decennio, mentre la Russia procederà a ridurre la propria dipendenza dai combustibili fossili. Lo ha sottolineato Vyacheslav Sinyugin, amministratore delegato di Hydro, sempre a Bloomberg News.