Royal Bank of Scotland taglierà altri 3.500 posti di lavoro in UK

2 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Royal Bank of Scotland ha annunciato oggi che ci sarà un ulteriore taglio 3.500 posti di lavoro nel Regno Unito nelle sue operazioni di back-office. La banca ha specificato che i licenziamenti riguaderanno oltre le operazioni di back-office anche IT e altro personale di supporto presso 12 uffici in Inghilterra. Circa un terzo delle perdite di posti di lavoro sono legate alla sua recente vendita di 318 sportelli alla banca spagnola Banco Santander. La banca, per l’83% di proprietà del governo che era stata salvata dopo la crisi dei subprime, aveva già tagliato 9.000 posti di lavoro nel suo settore di servizi alle imprese. In totale sono stati ridotti più di 20.000 posti di lavoro. “Tagliare i posti di lavoro è la parte più difficile del nostro lavoro per ricostruire RBS e rimborsare i contribuenti per il loro supporto.” RBS ha detto in un comunicato.