Roma come Atene: per il 61% degli italiani fara’ crack

2 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Il 61% degli italiani ritiene oggi “concreto” un ‘rischio Grecia’ per il nostro Paese. E il 48% degli italiani ritiene a rischio i propri risparmi. Mentre appena il 30% si mostra ottimista, escludendo del tutto ‘il rischio Grecia’, nella convinzione che l’Italia sia “un Paese in difficoltà, ma ancora con molte risorse”.

Sono fra i dati più significativi che emergono dal monitor sull’opinione pubblica dell’Istituto demoscopico Demopolis, che fotografa un Paese sempre più disorientato ed impaurito. Sono infatti 9 su 10 i cittadini che si dichiarano “preoccupati per la crisi finanziaria” che vive oggi l’Italia e “per i sacrifici” che, in prospettiva, immaginano di dover affrontare.

Mentre i rendimenti record sui Btp decennali mettono ulteriormente a rischio la solidità delle finanze pubbliche, cresce la preoccupazione nell’opinione pubblica molto critica sull’atteggiamento del governo Berlusconi, ritenuto troppo incerto di fronte alla crisi economica.

La convinzione, ribadita da tre intervistati su quattro, è che “l’attuale esecutivo non sia stato in grado di gestire l’emergenza, né di varare misure in grado di rilanciare seriamente la crescita e l’occupazione”.
[ARTICLEIMAGE]
“Per la prima volta, negli ultimi trent’anni si registra tra le famiglie un diffuso pessimismo sul futuro del Paese”, ha commentato il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento. L’indagine è stata condotta dal 26 al 30 ottobre 2011 dall’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis su un campione di 1.004 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, titolo di studi, ampiezza demografica del comune ed area geografica di residenza.

___________________

Nota metodologica ed informativa

L’indagine è stata condotta dal 26 al 30 ottobre 2011 dall’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis su un campione di 1.004 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, titolo di studi, ampiezza demografica del comune ed area geografica di residenza. Direzione della ricerca a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione scientifica della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Nota metodologica completa su: www.demopolis.it