Ritorno al futuro

14 Dicembre 2018, di Redazione Wall Street Italia

Quel lampo rosso diventato un’icona negli anni ‘90 rivive in una collezione tecnica e super funzionale

A cura di Benedetta Gandolfi

Prada scommette su un ritorno al futuro e rilancia Prada Linea Rossa: una collezione tecnica, dinamica ed evoluta che trae ispirazione dalla precisione delle linee e propone un’estetica raffinata, la stessa che caratterizzava il look degli anni ‘90. Una nuova campagna digitale presenta questa collezione, contraddistinta dal caratteristico logo con la sottile linea rossa comparso per la prima volta nel 1997. Del resto, quel lampo rosso sul bordo di un polsino, sulla parte posteriore di un tacco o sulla linguetta di una scarpa da ginnastica era diventato un’icona di stile, che raccontava una certa cultura dell’epoca, senza dubbio contemporanea. La nuova incarnazione di Prada Linea Rossa ha debuttato alle sfilate uomo e donna autunno-inverno 2018.

Una giacca della collezione autunno-inverno 2018

Il ritorno alle regate. Già lo scorso febbraio Miuccia Prada aveva fatto sfilare in passerella qualche capo nel suggestivo show alla nuova torre di Fondazione Prada a Milano, il tutto con l’approccio molto minimalista tipico della Maison. La label è stata un grande successo soprattutto tra la fine degli anni ‘90 e la prima metà degli anni 2000 e si è poi collegata anche al mondo eyewear e a quello basic. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo la linea è legata a doppio filo ai look degli equipaggi di Luna Rossa nelle varie fasi della regata velica America’s Cup. E non è un caso che il gruppo abbia deciso di investire in grande stile proprio sulla prossima edizione della prestigiosa regata. Dalla fine di settembre 2017, infatti, la vecchia Louis Vuitton Cup (si sono chiamate così le selezioni per il challenger dal 1983) è diventata la Prada Cup. La finale si terrà nel 2021 a Auckland, mentre le pre-regate già nel 2019.


Scarpe della collezione autunno-inverno 2018

Tessuti e tecnologie. Per questa collezione, il gruppo guidato da Patrizio Bertelli ha deciso di studiare le nuove potenzialità offerte dalla tecnologia. Tessuti nanotecnologici ad alta conduttività per favorire la regolazione della temperatura corporea; il grafene, una sostanza derivata dalla grafite; una nuova generazione di imbottiture composte da grafene e poliestere riciclato (la microfibra idrorepellente Goretex Pro) e l’imbottitura Primaloft. Infine, il Nylon 3L ultra-leggero altamente resistente all’abrasione, la membrana più sottile al mondo. I capi sono anti-vento, impermeabili, traspiranti e accattivanti anche per la generation Z, così come la campagna digitale di grande impatto: una nuova serie di video elaborati sotto la direzione creativa di Michael Rock/2×4 New York, con la regia di Arisu Kashiwagi e lo styling di Lotta Volkova. In questo rilancio, i progressi industriali e scientifici del ventunesimo secolo nella produzione dei tessuti hanno determinato il design dei capi, in una sintesi tra forma e funzione.


Una giacca della collezione autunno-inverno 2018

La nuova Linea Rossa. La collezione offre un intero guardaroba, dall’outerwear alle calzature fino ad alcuni pezzi pensati per attività specifiche, come lo sci e lo snowboard. Impossibile rinunciare all’iconico emblema di Prada Linea Rossa: il sottile lampo vermiglio sul collo e sul petto in lattice è applicato all’interno di una finestrella ritagliata nel tessuto e termo-sigillata con un procedimento nuovo. I capi hanno una linea pulita, precisa, pura e aerodinamica. La tecnologia non è legata a un genere in particolare, i capi sono unisex e si trasformano sul corpo, sia femminile che maschile. Il classico tessuto per abbigliamento sportivo Tela Tecnica di Prada è stato rivisitato e reso ancora più tecnico grazie a una maggiore impermeabilità, protezione anti-vento e traspirabilità, e ribattezzato Tela Tecnica Pro, mentre l’emblematico nylon Prada è reinterpretato in chiave peso piuma. Ogni capo della Linea Rossa è assemblato attraverso metodi avanzati di termosaldatura (anche interna) ed è totalmente privo di cuciture. Per un nuovo modo di creare – e considerare – l’abbigliamento.

L’articolo integrale è stato pubblicato sul numero di dicembre del magazine Wall Street Italia.