Risveglio pigro per Piazza Affari

4 Gennaio 2011, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si muove poco sopra la parità la borsa milanese in avvio di seduta, dopo la festa di ieri che ha visto come protagoniste Fiat e Fiat Industrial, nel giorno dello scorporo dal settore auto dei veicoli commerciali e industriali. I mercati finanziari europei si mostrano indecisi sul da farsi mentre Londra, dopo essere rimasta chiusa ieri, registra un forte balzo a recupero dei progressi delle altre piazze la vigilia. Si attende con ansia la pubblicazione delle minutes della Fed dell’ultima riunione di politica monetaria mentre tra i dati macro figurano i prezzi al consumo preliminari italiani, il tasso di disoccupazione della Germania, la stima flash dell’inflazione in Europa e gli ordini all’industria statunitensi. Dopo un esordio d’anno scoppiettante, la divisa di eurolandia si mantiene tonica sopra la soglia degli 1,33 dollari. Nei confronti di un anno fa, però, la moneta unica europea resta deprezzata, visto che a gennaio 2009 valeva 1,40 dollari. Il cross eur/usd sta trattando a 1,3344 mentre il franco svizzero risulta essere ancora una moneta rifugio, con il cross eur/chf a 1,2504 e quello usd/chf a 0,9368. L’indice Ftse All-Share registra in avvio un timido incremento dello 0,09% mentre il Ftse Mib avanza dello 0,11%. Prosegue il rally di Fiat e Fiat Industrial all’indomani del debutto scoppiettante in borsa delle due entità e della diffusione delle immatricolazioni di dicembre, che hanno visto in Italia un calo annuo del 26,4%, con una quota di mercato in crescita rispetto al mese precedente. Poco mossi i finanziari dopo essere rimasti al centro degli acquisti nella seduta di ieri. In luce Azimut con una risalita dell’1% mentre Exor avanza di mezza frazione di punto. Limature per il Bco Popolare la Pop Milano e Mediolanum. Modesta la risalita di Unicredit, dopo aver guidato ieri i rialzi di settore. A macchia di leopardo gli oil, che ieri hanno tratto beneficio dal rialzo del prezzo del greggio. Saipem ed Eni risultano in frazionale rialzo e Tenaris in rosso. In bella mostra Saras. Effervescente Pininfarina, su alcune indiscrezioni che vedrebbero la cinese Baic pronta a depositare un’offerta d’acquisto per la casa automobilistica.