RISPARMIO: FONDI USA DENUNCIANO TELECOM A CONSOB

12 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Liverpool Limited Partnership, che fa parte del gruppo di Fondi USA azionisti di risparmio di Telecom Italia, ha presentato oggi un esposto alla Consob per verificare se la società di telecomunicazioni abbia violato gli interessi degli azionisti di risparmio per mancato adempimento agli impegni di buy back sulle risparmio non convertibili.

Telecom, con delibera del 14 gennaio 2000, aveva dato mandato agli amministratori di acquistare entro il 17 dicembre 2000 il 34% delle azioni proprie di risparmio, corrispondenti al 10% del capitale complessivo di Telecom Italia, a un prezzo di 6,5 euro.

Secondo il Fondo USA Telecom ha riacquistato “meno di un decimo dei 742 milioni di azioni previste” nonostante il prezzo del titolo sia sotto i 6,5 euro.

“La mancata esecuzione del buy back da parte del management di Telecom Italia ha causato ingenti danni a Liverpool, che sta attualmente valutando azioni legali per ottenerne il risarcimento”, spiegano dalla societa’ che possiede attualmente azioni di risparmio Telecom per 50 milioni di euro.