RIPRESA, EXIT E CONTI FUORI CONTROLLO

15 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Appena l’economia europea sarà nuovamente in grado di camminare sulle sue gambe, gli Stati membri dovranno iniziare un “sostanzioso consolidamento dei conti pubblici”. E se i segnali di ripresa attuali verranno confermati, questo dovrà iniziare “al più tardi nel 2011”. E’ quanto si legge nella bozza di conclusioni della riunione dell’Ecofin che si terrà lunedì e martedì a Lussemburgo e di cui Apcom è in possesso. “La situazione specifica di ciascun paese dovrà essere presa in considerazione e una serie di paesi dovranno iniziare a consolidare prima di allora”, si legge.

“Come risposta alla crisi, gli Stati membri hanno fatto interventi fiscali di dimensioni senza precedenti per stabilizzare il settore finanziario e sostenere l’economia in generale”, si legge nel documento. “Nonostante i recenti segnali positivi, con una interruzione del declino economico, la stabilizzazione dei mercati finanziari e l’aumento della fiducia, i ministri hanno riconosciuto che non sarà tempo di ritirare gli stimoli fino a quando la ripresa non sarà assicurata”. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

La bozza sottolinea la necessità di “mettersi d’accordo ora sull’approccio da adottare per attuare la strategia d’uscita in modo coordinato e comprensivo quando sarà appropriato farlo”. Inoltre, “al di là del ritiro delle misure di stimolo, sarà necessaria un sostanzioso consolidamento di bilancio per interrompere e invertire l’aumento dei debiti pubblici e ripristinare solide posizioni di bilancio”.