Recessione a doppia V: rischi piu’ alti di quanto si creda

12 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

In un periodo di estrema incertezza post-recessione, i pareri degli economisti sono inflazionati. Ecco perche’ e’ meglio guardare ai fatti e nel contesto borsistico ai grafici. Per una volta val la pena provare a non dare retta a quello che hanno da dire gli economisti. D’altronde hanno iniziato a parlare di recessione solo dopo il collasso di Lehman Brothers nel 2008 (forse molti si ricorderanno che di fatto la fase di decrescita economica era gia’ iniziata nove mesi prima).

Ebbene, i numeri dipingono un quadro non troppo confortante per gli Stati Uniti: le probabilita’ che il la maggiore economia al mondo piombi in una seconda recessione sono piu’ alte di quanto si creda.

>>>>>QUESTO ARTICOLO E’ RISERVATO A MONEY MANAGER E GESTORI DI FONDI. PER LA LETTURA E’ RICHIESTO L’ABBONAMENTO A INSIDER. Ci si puo’ abbonare in pochi secondi. Per 1 mese, costa solo 0.86 euro al giorno.