Rcs: guerra Della Valle-Fiat, Consob vuole chiarimenti

10 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Consob convoca Diego Della Valle per Rcs. E’ quanto apprende l’ANSA da fonti finanziare. Nei prossimi giorni è atteso negli uffici della Commissione per chiarire la sua posizione dopo le recenti dichiarazioni. Della Valle si era detto pronto a salire oltre il 20% e poi, nella lettera a Napolitano, ha esortato tutti i soci a lasciare.

La Consob chiede chiarimenti alla Fiat per le recenti dichiarazioni di Sergio Marchionne. In particolare, apprende l’ANSA da fonti finanziarie, la Commissione ha chiesto entro oggi un comunicato al Lingotto per chiarire in che modo la quota posseduta in Rcs abbia natura strategica, essendo Fiat una casa automobilistica.

Sul crollo di lettura e fatturato dei quotidiani italiani, e sugli ULTIMI DATI ADS – ACCERTAMENTO DIFFUSIONE STAMPA (MAGGIO 2013) leggere:
Editoria: ricavi a picco, perso un miliardo in un anno

“E’ mio impegno quotidiano richiamare tutte le forze rappresentative del Paese al massimo sforzo di lungimiranza e di coesione in questa delicata fase della vita nazionale. Lo afferma Giorgio Napolitano in merito all’appello di Diego Della Valle su Rcs precisando che “non spetta” a lui alcun commento” su tali questioni.

“Ho letto l’appello del Dottor Diego Della Valle pubblicato stamattina sulla stampa, e ne ho colto l’intento dichiarato di operare nell’interesse generale di una libera e corretta evoluzione del mondo della stampa e dell’informazione”, afferma il capo dello Stato in una nota. “E’ mio impegno quotidiano richiamare tutte le forze rappresentative del Paese al massimo sforzo di lungimiranza e di coesione in questa delicata fase della vita nazionale. Naturalmente non spetta a me alcun commento su questioni e proposte rimesse alla libera determinazione di soggetti economici e imprenditoriali e al giudizio del mercato”, conclude.

Antitrust, aperto dossier su aumento quota Fiat – “Abbiamo aperto un dossier, al momento solo a fini informativi”. Risponde così il presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella, alla domanda se l’aumento delle quote di Fiat in Rcs pone dei problemi dal punto di vista della concorrenza. Sui tempi “è ancora prematuro” dare indicazioni, aggiunge, a margine della relazione Agcom. In borsa Rcs ha di nuovo ampliato il rialzo ma resta sotto i massimi di seduta e sale ora del 3,23%. Il titolo aveva frenato improvvisamente a Piazza Affari (+1,38%) con l’annuncio dell’Antitrust.

Marchionne, per noi importante, valore da proteggere – “Noi abbiamo sempre avuto interessi in Rcs, per noi è importante. Si tratta di proteggere qualcosa che è stato nel gruppo da anni, rappresenta qualcosa di valore. Quindi è da proteggere come abbiamo fatto per Fiat nel 2004”, ha detto l’ad del Lingotto, Sergio Marchionne. “Noi abbiamo sempre avuto interesse – ha detto Marchionne – al Corriere della Sera attraverso la nostra quota in Rcs”. A proposito dell’investimento in Rcs Marchionne ha aggiunto: “Abbiamo fatto la cosa che azionisti seri fanno in azienda al momento necessario”. Alla richiesta di un giudizio sulla lettera di Diego Della Valle al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, Marchionne ha osservato “Non lo so, non l’ha mandata a me. E’ strana, non so dire se sia opportuna, è una decisione di Diego. Non so cosa significhi. Della Valle è libero di fare ciò che ritiene più opportuno”. (ANSA)