RALLY PODEROSO A WALL ST NASDAQ +3,4%, DOW +2,7%

17 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

Dopo una partenza in ribasso, Wall Street ha nettamente invertito la rotta dopo la decisione di Usa e Gran Bretagna di non sottoporre una seconda risoluzione al voto dell’Onu — proprio oggi Francia, Russia e Germania avevano ribadito il loro no a una nuova risoluzione Onu che ammettesse un ultimatum all’Iraq, come uscito dal vertice Bush-Blair-Aznar alle Azzorre. A questa posizione si è poi aggiunta anche quella della Cina.

La guerra sembra ormai alle porte. Questa sera alle ore 20:00 di New York il presidente degli Stati Uniti George W. Bush terra’ un discorso davanti alla Nazione.

L’avvicinamento di una soluzione della situazione irachena risolleva i mercati, che hanno sofferto fin qui soprattutto dell’incertezza del clima internazionale. Gli investitori scommettono, inoltre, su un conflitto breve e vittorioso per gli USA.

Contribuiscono al forte rialzo degli indici anche le ricoperture di posizioni corte.

A incoraggiare i rialzisti sono anche alcuni spunti societari :

  • Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq): nelle sale di trading di New York molti operatori sono convinti che il titolo della società informatica potrebbe essere una buona opportunita’ di acquisto.
  • Lockheed Martin (LMT – Nyse): la società della difesa si e’ aggiudicata un contratto con il Pentagono del valore di $4,05 miliardi per 60 aerei 130J.
  • Juniper (JNPR – Nasdaq): la banca d’affari SG Cowen si aspetta che la società di infrastrutture telecom nel primo trimestre battera’ le aspettative degli analisti.
  • Texas Instruments (TXN – Nyse): la societa’ del settore semiconduttori ha confermato le previsioni per il primo trimestre fiscale del 2003 con un livello di vendite invariato rispetto al trimestre precedente e un EPS di $0,06 per azione.

    Per avere tutti i dettagli clicca su TITOLI CALDI , in INSIDER.