RADDOPPIARE GLI STIPENDI AI PROF? INFURIA IL DIBATTITO

3 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

– Roma, 3 lug – “Non è più possibile continuare a pagare i professori delle medie e dei licei, che devono tornare ad essere un’élite, con gli stipendi di oggi. Gli stipendi vanno almeno raddoppiati, e via via aumentati nel corso del tempo”. La proposta dello scrittore Pietro Citati su Repubblica sta provocando una vera valanga di messaggi al forum on line del quotidiano. “Gli economisti – aveva scritto Citati – mi risponderanno che i soldi non ci sono: questa proposta porterebbe a una spaventosa catastrofe, a una disastrosa inflazione. Ma so ugualmente bene che, in Italia, quando bisogna sprecarli, i soldi ci sono sempre. Se risparmiassimo sulla rasatura delle guance dei senatori, i profumi e i dopobarba dei deputati, le tinture dei capelli ahimè biancastri delle senatrici, le bare degli assessori veneti, i cuochi e i camerieri del Parlamento, i gelati dell’onorevole Buttiglione, gli stipendi delle stenografe siciliane, i premi letterari (in gran parte finanziati dalle Regioni), la politica estera del presidente Formigoni, potremmo accumulare una ricchezza immensa”. Migliaia di persone stanno intervenendo per dire, in maggioranza, che Citati ha ragione.