QUANTO COSTANO
I FIGLI? DA 500
A 800 EURO

25 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

La presenza di un bambino in famiglia cambia radicalmente l’organizzazione familiare: è stato stimato che l’arrivo del primo figlio comporti in media una diminuzione del reddito a disposizione tra il 18% e il 45%, e una spesa aggiuntiva tra i 500 e gli 800 euro mensili, variabili in relazione all’età e alla collocazione geografica.

E’ quanto emerso dal seminario “Quanto costano i figli? Ricadute socio-economiche e fiscali per le famiglie italiane” che si svolge oggi al Cnel con la partecipazione del ministro delle Politiche della Famiglia Rosy Bindi. I lavori , che si svolgeranno nell’arco della giornata sono presieduti da Edoardo Patriarca , consigliere Cnel e coordinatore del Gruppo di lavoro” Famiglia e minori”.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli NASDAQ e dei 2764 titoli NYSE? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, clicca su INSIDER

Parlare di costo dei figli vuol dire riflettere sulla condizione economica delle famiglie italiane e, non a caso, sono proprio quelle più numerose a essere esposte al rischio di povertà. Nel corso del 2003, si trovavano al di sotto della soglia di povertà relativa il 20,9% delle coppie con almeno tre figli, con punte massime nel Mezzogiorno dove risultavano povere il 21,5% delle famiglie con 4 componenti e il 29,8% quelle con 5 o più componenti, contro il 6,1% e il 10,3% del Nord (dati Istat del 2004).

Sempre con riferimento all’incidenza dei figli sul tenore di vita (nelle due variabili “entrata” e “spesa”) delle famiglie, è importante sottolineare come, nel nostro Paese, il costo di produzione dei figli – ossia il tempo investito per la crescita dei figli e la rinuncia a possibilità di guadagno dovuta ad una riduzione della partecipazione al mercato del lavoro – sia sostenuto quasi esclusivamente dalla madre, e sia dunque irrimediabilmente connesso alla bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro e alla difficoltà a conciliare la vita familiare con quella lavorativa.

E’ la maternità infatti ancora la prima causa di abbandono del lavoro per le donne: il 13,5% delle lavoratrici esce dal mercato del lavoro dopo la nascita di un figlio. Ad ostacolare la partecipazione delle mamme al mercato del lavoro sono altresì gli orari scomodi e troppo lunghi dovuti a modelli organizzativi pensati per gli uomini e non ancora ridefiniti su modelli sociali radicalmente mutati.

Tali condizioni, tra l’altro, inducono le donne a posticipare il momento in cui avere un figlio (l’età media al parto è passata dai 27 anni della fine degli anni ‘70 ai 29,8 degli anni ‘90), e potrebbero addirittura costituire una delle principali ragioni della bassissima natalità che caratterizza il nostro Paese (1,2 bambini per donna). Risulta evidente la necessità di importanti interventi a sostegno della famiglia. Le principali misure a favore della famiglia realizzate in questi anni coincidono con la modifica della disciplina fiscale, avviata con l’aumento delle detrazioni fiscali per i figli a carico, previsti dalla Finanziaria 2002, e proseguita con le successive.

Copyright © 9Colonne per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved