Putin sta male? Mistero, dopo riunioni cancellate e foto vecchie

13 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Putin come Fidel Castro. Ora montano speculazioni anche sullo stato di salute del presidente russo. Le preoccupazioni sono emerse all’inizio di questa settimana, quando Vladimir Putin ha posticipato un viaggio in Kazakistan per incontrare il presidente Nursultan Nazarbayev e l’omologo della Bielorussia, Alexander Lukashenko. Una fonte del governo kazako ha riferito a Reuters che la visita è stata cancellata in quanto Putin si era ammalato.

I sospetti si sono poi accentuati con la decisione del Cremlino di pubblicare vecchie foto del presidente, per dimostrare che tutto sta procedendo come al solito.

Putin non è apparso in pubblico dallo scorso 5 marzo, in occasione di un meeting e poi di una conferenza stampa con il premier Matteo Renzi.

“Non c’è nessun motivo per preoccuparsi, va tutto bene – ha detto il portavoce Peskov, in un’intervista rilasciata alla stazione radiofonica Ekho Moskvy. Putin è “sempre presente alle riunioni, ma queste non sono tutte pubbliche”. Inoltre, gli ordini del giorno sono “molto stressanti”, a causa delle crisi a cui il presidente continua a far fronte.

Alla domanda se la stretta di mano di Putin sia ancora ferma, Peskov ha risposto che è ferma abbastanza “da spezzare le mani”.

Tuttavia a essere cancellato, tra l’altro all’ultimo minuto, è stato anche il meeting previsto due giorni fa con i funzionari della repubblica dell’Ossezia del sud. Putin non è riuscito a presentarsi neanche alla riunione che si tiene ogni anno con i funzionari del Servizio di Sicurezza federale, sebbene a tal proposito Peskov abbia sottolineato che non era comunque intenzione del presidente presenziare all’evento.

Inoltre, le stesse fonti del Cremlino hanno riferito al quotidiano RBK che martedì non c’è stato alcun incontro tra Putin e il governatore del circondario autonomo Jamalo-Nenec, nonostante il sito presidenziale affermi il contrario.

Ancora, la foto di Putin che regala fiori alle madri di famosi atleti, musicisti e attori, al Cremlino, pubblicata in occasione della Festa delle donne dello scorso 8 marzo, sarebbe stata scattata tre giorni prima. (Lna)

Intanto si infiammano le tensioni tra l’Europa e la Russia, dopo che l’Ue ha bloccato un accordo nucleare da 12 miliardi di euro dell’Ungheria con il Cremlino.

Fonti:

The Guardian

Financial Times

(Lna-DaC)