PUBBLICITA’: INTERNET NON SGOMINA I QUOTIDIANI

8 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

La popolarita’ di Internet come medium pubblicitario e’ destinata a crescere nel breve termine, ma questo non escludera’ mezzi piu’ tradizionali quali televisione e giornali.

Queste le previsioni della banca d’investimento Veronis Suhler nello studio annuale sull’industria della comunicazione.

La spesa pubblicitaria, cresciuta nel 1999 del 9,1% a quota $165 miliardi, dovrebbe cosi’ aumentare annualmente dell’8,6% e superare $249 miliardi nel 2004.

La crescita sara’ spinta in larga parte dalla pubblicita’ su Internet che, aumentata l’anno scorso del 140,6% a $4,6 miliardi, dovrebbe mantenersi su un tasso del 39,5% annuo e raggiungere $24,4 miliardi entro il 2004.

A confronto, la spesa pubblicitaria su riviste e’ stimata in $16,4 miliardi, quella su network televisivi in $19,4 miliardi e quella su TV via cavo in $21 miliardi.
A fare la parte del leone tra i media saranno pero’ i quotidiani che dovrebbero generare $63,2 miliardi in pubblicita’ e la radio che dovrebbe incassare $26,6 miliardi.