Prysmian investe ancora in Cina

4 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Prysmian dà il via a un nuovo investimento in Cina in occasione della missione imprenditoriale di Governo, Confindustria, ICE e ABI. Il progetto, per un ammontare di circa 20 milioni di euro (che vanno ad aggiungersi a una prima tranche di 10 milioni già investita nel 2009), è finalizzato al raddoppio della capacità produttiva e introduzione di nuove tecnologie nello stabilimento di Baoying, dedicato ai cavi e sistemi Altissima e Alta Tensione. I nuovi investimenti portano il totale delle risorse dedicate da Prysmian alla crescita in Cina, dal suo ingresso nel Paese, a circa 120 milioni di euro. L’obiettivo è di rafforzare ulteriormente la leadership tecnologica, e la quota di mercato, del Gruppo in Cina. Lo stabilimento verrà dotato di una seconda “torre verticale”, tecnolologia tra le più avanzate nel settore. Prysmian ha inoltre siglato un accordo di cooperazione tecnologica con il Wuhan Institute of Technology (ente del Governo cinese) per sviluppare ricerca e innovazione nel settore dei collegamenti energia ad altissima tensione.